fbpx

Calcio – Acri, contro il Cutro non si può sbagliare

Una gara che vale una stagione, o meglio una gara che potrebbe segnare lo spartitraffico tra la definitiva resa dell’Acri oppure una nuova linfa per continuare a sperare: tutto dipende dal risultato finale della partita casalinga contro il Cutro, e per i rossoneri l’unico risultato utile è la vittoria. Uno scontro diretto, per la squadra allenata da mister Andreoli, che l’Acri non po’ assolutamente permettersi di perdere, anzi, anche il pareggio sarebbe un risultato negativo, considerando il fatto che il Cutro è una diretta concorrente per la permanenza in Eccellenza. Gli uomini allenati da Vanzetto, arriveranno ad Acri “forti” dei 5 punti in punti in più in classifica (17) rispetto ai rossoneri ultimi (12), e dunque, anche il pareggio potrebbe essere un risultato utile per il Cutro, che manterrebbe inalterate le distanze e si toglierebbe di dosso la partita contro una delle rivali per non retrocedere. Per l’Acri, dunque, un appuntamento da non sbagliare, solo cosi gli uomini di Andreoli potranno poi affrontare le rimanenti sette partite con la carica giusta e la possibilità di poter almeno centrare la qualificazione ai playout, evitandola retrocessione diretta. Fare più punti possibili è importante c’è anche la non remota possibilità, che, non solo l’ultimo posto significherebbe retrocedere, ma persino arrivare alla penultima posizione sarebbe rischioso, poiché se tra la penultima della graduatoria e la quintultima dovessero esserci da 10 punti in su di divario, a retrocedere senza passare dalla lotteria dei playout, sarebbe appunto anche la penultima classificata. In questo momento, però, gli uomini di Andreolli non possono permettersi di fare calcoli, ma l’unica soluzione è la vittoria e domenica sarà sicuramente un banco di prova fondamentale.

Intanto nei giorni scorsi, dopo essere stato tirato in ballo dal presidente del Corigliano, Mauro Nucaro, è arrivata la risposta di Angelo Agliuzza, ex portiere dell’Acri. Secondo il patron coriglianese, Agliuzza, prima della partita persa dall’Acri contro la Reggiomediterranea, sarebbe stato “chiamato durante la settimana dai dirigenti della Reggiomediterranea e poi ha fatto tre mega papere”. Il giovane portiere dei rossoneri, contro i reggini è stato protagonista negativo in occasione delle tre reti subite, errori tecnici che hanno dunque fatto scaturire le gravi insinuazioni di Nucaro.  Agliuzza non le manda a dire: << respingo queste accuse al mittente, non sono stato contattato da nessuno – afferma il portiere – sono una persona onesta e non ho bisogno di fare certe cose>>.  Agliuzza, uscito in lacrime dal campo ha poi deciso di lasciare la squadra nonostante la volontà da parte della società a farlo restare: << gli errori tecnici che ho commesso mi hanno fatto sentire terribilmente in colpa nei confronti dei miei compagni di squadra e della società – ci dice – la prestazione negativa e le offese da parte di qualche tifoso, dettate sicuramente dalla rabbia per la sconfitta mi hanno fatto decidere di smettere>>. Ad Agliuzza chiediamo se a questo punto ha la volontà di assumere qualche provvedimento nei confronti del presidente Nucaro: << onestamente non voglio perdere tempo con queste stupide insinuazioni – afferma – mi bastano le mie dichiarazioni ma soprattuto avere la coscienza pulita>>. E sui suoi ex compagni: << mi spiace aver lasciato la squadra – afferma – ai miei compagni auguro di arrivare alla salvezza. Ho grande stima per tutti loro>>. Agliuzza traccia poi un suo personale bilancio sulla sua stagione: << sono contento per aver messo il cuore in ogni partita in cui sono sceso in campo – afferma – contento per tutte le prestazioni tranne per quella contro la Reggiomediterranea. Sono giovane e per me il calcio rappresenta tutto, spero di fare tanta strada>>.

                                                                 Francesco Spina

Iscriviti per rimanere informato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contentuto protetto!