A Castagna\Il castagno

Bata - Via Roma - Acri
Il Vernacoliere di Angelo Canino


Mi ricùardu chillu pezzarìallu e terra,
quanni tant’anni arrìati ci zappèava,
a gramigna ccu lli spini facìa lla guerra,
e d’iu ccu cchilla zappa ch’i sterrèava.
 
Quann’era nnetta e struppi e dde spini,
c’è chjantèatu na bella castagna ‘nzerta,
ll’adacquèava quèasi tutti li matini,
ppe lla fèari crìsciari alla sberta.
 
Passanni d’anni ss’àrburu e ccrisciutu,
attuarnu a d’illu chèasi cci su nnèati,
ci sta nnu riccu, nu mìadicu e nnu mutu,
e ssempri i stessi su lli vìarni ccu ll’astèati.
 
A pprimavera s’inchji dde virdi pampinelli,
da prima cima, fina a lla curina,
mischchèati a jjuri c’assimìani capilli,
annachèati e chill’arijicella fina.
 
E astèati assimìa nna muntagna,
ccu llu sudu fa nn’urma ranna ranna,
mi cci fìarmu e llu suduru mi ll’attagna,
chillu frischicìallu chi illa spanna.
 
A d’ottobri i pàmpini càngiani cuduru,
i frutti su ppronti ppe mmangèari,
ca rizzi, su ddiventèati tutti chilli juri,
e ppùngini si va a lli mmunestèari.
 
U vìarnu rimèana ‘ncudunuda,
si spoglia dde di pàmpini e ddi rizzi,
a mìaruda e du nidu si nni vuda,
a tti vìdari eccussì a pella aggrizzi.
 
Mo, ch’u tìampu puru ppe ttia è ppassèatu,
u ffa cchiù ppàmpini e ssi meadarriddutta,
nu vìantu forti na notti t’ha spezzèatu,
e ll’anima mia mi ll’ha ddistrutta.
 
Ma puru e morta, tu n’ha dunèatu amuru,
ca a ssu vìarnu chi stanni è ppropiu amèaru
n’ha dunèatu ancora n’ùrtimu caduru,
ccu lli digna tua èam’appiccèatu u focudèaru.
 
E ppìanzu a cquann’era nu jettunu,
a quanti vìarni e astèati su ppassèati,
e mmo chi si diventèata nu carbunu,
ssi ricùardi intra ssa menti su stipèati.

Mo supa a vrèascia c’è ripunutu a pastellera,
all’intra c’è misu i frutti chi tu n’ha dunèatu,
e cquanni i quatrèari ho ‘ncignèatu a fera,
a nna rasella i dàcrimi m’heaiu asciuttèatu.
Mi ricordo quel pezzetto di terreno,
quando tanti anni fa lo zappavo,
l’erbaccia con i rovi si facevano la guerra,
e io con la zappa le distruggevo.
Quando era pulita da sterpaglie e da rovi
vi ho piantato un bel castagno innestato
l’ho annaffiavo quasi tutte le mattine,
per farlo crescere alla svelta.
Passando gli anni quest’albero è cresciuto,
attorno ad esso, case ci sono nate,
vi abita un ricco, un medico e un muto,
e sempre uguali sono gli inverni e le estati.
A primavera si riempie di verdi foglioline,
dal primo ramo fino alla cima,
mischiati a fiori che somigliano capelli,
dondolati da quell’arietta fine.
D’estate somiglia una montagna,
col sole fa un’ombra molto grande,
mi ci fermo e il sudore me lo asciuga,
quella frescura che esso spande.
A ottobre le foglie cambiano colore
i frutti sono pronti per essere mangiati
ora ricci, sono diventati tutti quei fiori,
e pungono se li vai a molestare.
D’inverno rimane nudo,
si sveste dalle foglie e dai ricci,
la merla dal nido vola via,
vederti così la pelle rabbrividisce.
Ora che il tempo anche per te è passato,
non fai più foglie e sei malridotto,
un vento forte una notte ti ha spezzato,
e l’animo mio me lo ha distrutto.
Ma anche da morto tu ci hai donato amore,
in questo inverno che quest’anno è rigido
ci hai donato ancora un ultimo calore
con le tue legna abbiamo acceso il camino.
E penso a quand’eri un virgulto,
a quanti inverni ed estati sono passati
e ora che sei diventato un carbone,
questi ricordi nella mente son conservati.
Quei sapori che ad ogni inverno ci davi,
erano la felicità di tutti quanti,
quelle castagne, oh! quando le infornavamo!
Rallegravano anche i cuori affranti.
Ora, sulla brace ho riposto la padella,
dentro ho messo i frutti che tu ci hai donato,
quando i ragazzi hanno iniziato a far baldoria,
in un angolo,le lacrime mi sono asciugato.
Iscriviti per rimanere informato
Bata - Via Roma - Acri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contentuto protetto!