U testamìantu e du pùarcu\Il testamento del maiale

Bata - Via Roma - Acri
Il Vernacoliere di Angelo Canino
“Iu, peccaturu e schchifusu maieadu,
èaiu e moriri ppecchì e Nnatèadu,
ma prima chi sia mmùartu
sentiti u testamìantu e mia, pòvaru pùarcu:
 
“a cchini m’ha binnùtu u prim’e tuttu,
lli dassu nu prisuttu
e, quanni s’u màngia
alla ricota e d’ùartu,
lli potissa jjiri e stùartu”
 
“a llu veterinariu,
cu nn’ha avutu mèai rispìattu
lli dassu lu fidìattu,
e, quanni su màngia
assettèatu allu scadunu,
lli potissa ppijèari nu schcattazzunu”
 
“allu patrunu chi m’ha accattèatu,
chi ccu ccura m’ha allevèatu
lli dassuu u cheapeccùallu,
e, quanni s’u màngia
a sira quanni vena,
lli facissa cancarena”
 
“a cchini m’attacca alla buffetta,
a cchini mi jacca ccu lla ccetta
a cchini mi spinna, a cchini mi scanna,
potìssiti campèari ppe ciant’anni
ccu lla vista acquanni acquanni,
ciunchi de na gamma, orfani de mamma”
 
“e ssì, ca mùaru cuntiantu!
E mmi nni vèaju ‘n’cìadu ccu llu vìantu
dassanni supa a terra ssu testamìantu”.  
“Io, peccatore e schifoso maiale,
devo morire perché è Natale,
ma prima che sia morto
sentite il testamento mio, povero porco:

“a chi mi ha venduto, prima di tutto,
gli lascio il prosciutto
e, quando lo mangia,
al ritorno dall’orto,
gli potesse andare storto”

“al veterinario,
che non ha avuto mai rispetto,
gli lascio il filetto,
e, quando lo mangia
seduto su un gradino
gli potesse scoppiare la pancia”

“al padrone che mi ha comprato,
che con cura mi ha allevato,
gli lascio il capicollo,
e, quando lo mangia,
la sera quando rincasa,
gli facesse cancrena”

“a chi mi lega alla panca,
a chi mi spacca con l’accetta,
a chi mi spela, a chi mi uccide,
possiate campare cento anni,
con la vista così così,
zoppi da una gamba, orfani di mamma”

“e si, che muoio contento!
E me ne vado in cielo con il vento
Lasciando sulla terra questo testamento”.
Iscriviti per rimanere informato
Bata - Via Roma - Acri

2 Risposte

  1. Giuseppe Greco ha detto:

    Leggere questi versi e poesie in dialetto Acrese, mi fanno ritornare ai tempi “belli ” dell’infansia

    Complimenti!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contentuto protetto!