fbpx

A cantina

Il Vernacoliere di Angelo Canino
A cantina
 
Quanni a llu pajisi mia venìa Natèadu,
c’era chini vinnìa llu vinu a lla cantina,
a cchilli cavarelli, s’inchjìa guèadu guèadu
na frasca e adìvu alla porta e nna dampadìna.
 
Pittèata russa, abbisèava lli genti,
ca a prima vutta era stèata strivillèata;
facci cupi, diventàvani facci cuntenti,
era ‘ncignèatu u passatìampu e da vernèata.
 
S’abbucìavani u jùarnu chill’amici,
“a cassamuta e Benitu* strivilla stasira”!!
Nu bellu pèanu, frìttudi e aschchipici
era llu morsìallu e chilla sira.
 
Ma puru dupina, adivi arriganèati,
baccadà alla trappitèara chi ‘ncunu priparèava
rosa marina e ppisci sadèati,
e cchillu russu a ttoccapedu accumpagnèava.
 
Quanni s’azàvani, ‘ncunu traballèava,
s’avìa bìppitu assèai e llu vinu u llu rejìa,
ti venìa bicinu, cumi nu cechèatu ti guardèava
parrèava ccu lli dìanti e nnu llu capiscìa.
 
Era nnu modu e stèari ‘ncumpagnìa,
u tìampu e Natèadi a cchillu pajisu amèaru,
ca tanni u vìarnu, ppe ddaveri si sentìa
e lla cantina, era cumi u focudèaru.
 
Mma si sa, ca tuttu passa e ttuttu finisci;
u tìampu ha ccangèatu d’usanza e da cantina,
e cquanni passi e llà un ci canusci,
mma vena mmenti a frasca ccu lla dampadina.
 
 
 
*Cassamutua di Benito (Azzinnari) ad Acri era detta così la bettola dove vendeva il vino.

 

La “cantina”
 
quando al paese mio veniva Natale,
c’era chi vendeva il vino alla “cantina”
e quei vicoli si riempivano di gente,
un ramo d’ulivo alla porta e una lampadina.
 
Pitturata di rosso, avvisava la gente,
la prima botte era stata iniziata;
facce tristi diventavano allegre,
era iniziato il passatempo dell’inverno.
 
Si davano appuntamento quegli amici,
“la cantina di Benito apre stasera”!!
Un bel pane, frittole e sottaceti
era la colazione di quella serata.
 
Ma anche lupini, olive con origano,
baccalà alla trappitara che qualcuno preparava
neonata e alici in salamoia,
e quel rosso di continuo accompagnava.
 
Quando si alzavano, qualcuno traballava
se aveva bevuto e il vino non lo reggeva
ti veniva vicino, come un cieco ti guardava
parlava tra i denti e non lo capivi.
 
Era un modo di stare in compagnia,
il periodo natalizio, in quel paese triste,
allora l’inverno era veramente rigido,
e in “cantina” era come stare al caminetto.
 
Ma si sa, che tutto passa e tutto finisce;
il tempo ha cambiato l’usanza della “cantina”,
e quando passi di la non ci conosci più,
ma viene in mente il ramo con la lampadina.
 
 
 

Iscriviti per rimanere informato

2 Risposte

  1. Angelo Straface ha detto:

    Bellissima 👍🍷🔝
    Per un sommelier come me che prima di approfondire la teoria ha frequentato qualche cantina dove c’era la “frasca e la dampadina”, questa poesia è un tonfo al cuore, la mia abitudine era il venerdì santo alla cantina e “Triccarella”🍷🍷🍷🍷.
    Complimenti

  2. Angelo Canino ha detto:

    “A cantina” era il passatempo degli operai e dei contadini in primis…la sera all’imbrunire andavano a tastarle tutte perché c’e n’era più di una…”Triccarella”, “Cisberti”, “Taresulla”, “U rìapudu” ecc …e le lampe e mezze lampe si susseguivano…Grazie per i complimenti 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contentuto protetto!