fbpx

Passano rendiconto di gestione e variazione di bilancio, ma il consiglio comunale offre un pessimo spettacolo

L’esito scontato della votazione finale su rendiconto di gestione per il 2018 e variazione di bilancio, passati con i voti della maggioranza, nulla ha tolto in termini di interesse sulla discussione in consiglio comunale.

Gli spunti più significativi sono venuti dall’elevato indice di conflittualità nell’ex maggioranza. Luigi Caiaro e Giuseppe Intrieri ieri hanno chiarito a chi nutriva qualche residua velleità di ricomposizione che i due fanno ormai organicamente parte delle opposizioni consiliari.

Sono volati gli stracci e, duole dirlo, ma spesso le contrapposizioni hanno travalicato il limite della dialettica politica, sconfinando nel personale e nelle liti da bar.

Pessimi gli esempi in alcuni scambi tra Intrieri e Bonacci e, ancor più, tra Caiaro e il sindaco Capalbo. In quest’ultimo caso si tratta di due ex compagni di viaggio, che hanno condiviso un lungo percorso politico e un’amicizia, sacrificata, con ogni probabilità, sugli scanni della sala consiliare di Palazzo Sanseverino-Falcone. Certe fratture, con intelligenza e pazienza, si possono solo parzialmente ricomporre, ma l’utilizzo di termini e argomenti poco appropriati a un’aula consiliare rendono impossibile o quasi la ricostruzione di un rapporto di amicizia.

Non meno deprecabile lo scambio tra Fausto Sposato e Maurizio Feraudo. Non tocca a noi entrare nel merito delle questioni, non ne abbiamo né i titoli né la voglia, ma simili spettacoli vanno apertamente e decisamente stigmatizzati. Ognuno sente di avere ragione, ma toni e decibel vanno abbassati, perché non si offre un bello spettacolo.

Sul piano politico, Caiaro e Intrieri hanno motivato il loro voto contrario con tutta una serie di appunti amministrativi, indicando difformità e ritardi sull’attuazione delle linee programmatiche.

Bonacci invece ha votato contro il rendiconto di gestione, dicendo di non sentirlo suo. E’ una frenata sul suo ingresso in maggioranza che lo colloca in mezzo al guado, ma è solo una condizione momentanea. L’approdo nella coalizione di governo è solo rimandato, ma non vi sono dubbi sull’esito di questo percorso.

Il consiglio comunale di lunedì ci restituisce un clima al calor bianco tra maggioranza e opposizione, nella nuova geografia politica delle assise, ma non la sensazione di una contrapposizione che nel processo dialettico fa crescere. Questo tipo di conflitto non porta da nessuna parte, perché viziato da sentimenti che poco hanno a che vedere con l’accezione più nobile della politica.

Piero Cirino

Iscriviti per rimanere informato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contentuto protetto!