fbpx

Cheasicella mia

Il Vernacoliere di Angelo Canino
Cheasicella mia
 
Ammuccèata e di troppi e ddi spinèari,
sta sempri suda, vacanta e abbannunèata,
nullu cchiù vena a tti trovèari,
 a vita bella e tanni, mo si ll’ho scordèata.
 
Era pudita e bella a cchilli tìampi e tanni,
i muri orduràvani e di minestri cucinèati
puru ppe ttia mo suni passèati d’anni
ma chilli ricùardi i ttìani  stipèati.
 
Ha sentutu i fattarìalli cuntèati e tèatu,
ha sentutu u chèanu agguaieari menz’a via,
ha sentutu chiàngiari a Francu quann’è nnèatu
a sentutu passi chi venìani duve ttia.
 
Era a regina e ssa campagna bella,
i barcuni e cìantu razzi e juri ricamèati,
ppe ccumpagnìa c’era chilla jumarella,
circondata e virdu e dde rosi profumati.
 
E avanti ssa porta cci nni su ppassèati genti
surdèati chi tristi jìani alla guerra,
ccu lli cannuna ppe lli bombardamenti,
t’ho ‘mbraschchèatu i mura e sangu e tterra.
 
Un t’èani ‘ntacchèatu i dampi e lli trùani,
a tanta niva e chilli vernèati ameari,
t’ho rrallegrèatu i canti e lli sùani,
alla finita e du mètari e ddu spoderèari.
 
Cheasicella mia, cheasicella mia adurèata,
mi chiangi llu cori quanni vìagnu a tti trovèari
quanni ti viju suda e abbannunèata,
alli tìampi passèati ccu ttia èaiu e penzèari.
 
Mo t’èaiu e dassèari, ch’èaiu e fèari tanta via,
intra ssi jùarni vìagnu e nùavu a tti trovèari,
ppecchi,cheasicella mia, quanni signu ccu ttia,
i mumenti cchiù bìalli, mi fa ricordèari.

Casetta mia
 
Nascosta da sterpaglie e da rovi,
stai sempre sola, vuota e abbandonata,
nessuno più viene a trovarti,
la vita bella di allora se l’hanno dimenticata.
 
Eri pulita e bella in quei tempi di allora,
le mura profumavano del cibo cucinato,
anche per te ora sono passati gli anni
ma quei ricordi li tieni conservati.
 
Hai sentito storielle raccontate da papà,
hai sentito il cane abbaiare davanti l’uscio,
hai sentito piangere Franco quando è nato,
hai sentito passi che venivano da te.
 
Eri la regina di questa campagna bella,
i balconi di cento varietà di fiori, ricamati,
per compagna, c’era la fiumara
circondata di verde e di rose profumate.
 
Davanti l’uscio ve né passata gente,
soldati che tristemente andavano in guerra,
con i cannoni per i bombardamenti,
ti hanno imbrattato le mura di sangue e terra.
 
Non ti hanno intaccato i lampi e i tuoni,
la tanta neve di quegli inverni rigidi,
ti hanno rallegrato i canti e i suoni,
dopo finito di mietere e di spannocchiare.
 
Casetta mia, casetta mia adorata,
mi duole il cuore quando vengo a trovarti,
quando ti vedo sola e abbandonata,
ai tempi passati con te devo pensare.
 
Ora ti devo lasciare, devo fare tanta via,
in questi giorni verrò di nuovo a trovarti,
perché, casetta mia, quando sono con te,
i momenti più belli, mi fai ricordare.
 
Iscriviti per rimanere informato

2 Risposte

  1. Maria Imma Esposito ha detto:

    Complimenti al Grande Stimato Poeta per i suoi versi molto significativi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contentuto protetto!