A cavarella

Bata - Via Roma - Acri
Il Vernacoliere di Angelo Canino
A cavarella
 
Intra na cavarella stritta e tanta bella,
duvi a matina prìastu c’èsci llu sudu
nu cheanicìallu aspetta a nna rasella
u sòditu ossicìallu e nnu stigliudu.
 
Intr’i chèasi si senti ll’orduru e du cafè,
priparèatu e di mammi appena
puru ppe lla gatta, na guccitella c’è
ppe rrighèadu e di sùrici acchiappèati.
 
Marietta spanna lli panni a lli barcuna,
doppi adacqua lli rasti ccu lli juri
ammentri canta chièanu na canzuna,
càccia lli papparoni e chilli muri.
 
Gatanìallu è affaccèatu e da finestra,
e ss’ha appiccèatu a prima sigaretta,
intra a menti già lli rota lla minestra
e vvo ca menzijùarnu venissa m’pretta.
 
I quatrèari si mìntini u sinèadu,
e ssi pripàrani a jjiri alla scoda
intr’a borsa na sazizza e du maièadu;
su ccuntìanti e ugnedunu goda.
 
Mo su lli dìeci ìntra ssa cavarella,
e du spicunu campìa n’urmella aperta,
è chjina e èachi, ferretti e ccioncianella;
è llu capillèaru, e ttutt’a genti allerta.
 
A menzijùarnu s’ìnchji dde cìantu orduri,
ssa cavarella, e Gatanìallu è ccuntiantu
aspettava ssu mumenti a ttant’uri
‘mpressa va mmàngia cumi nu vìantu.
 
È ffatta l’una e ‘ncunu si va rriposa,
mmìanzu u strùsciu e bicchera e dde piatti
na giuvanella trèasa lla rrobba spèasa,
guardèata curiusa du sutta e dua gatti.
 
S’assètta allu scadunu assìami alli vicini,
mo su lli quattru e llu sudu è ammascèatu,
ccu llu ‘ncinettu richèama dua coscini
e nnu muccaturu e du cuntiantu spusèatu.
 
È quèasi mrunèatu e ccampìani e du spicunu,
i zappaturi ccu lla zappa e lla mantella,
accùati e di cimineji ccu nnu focunu,
mo s’è ffattu notti intra ssa cavarella.
Il vicolo
 
In un vicolo stretto e assai bello,
dove la mattina presti vi esce il sole
un cagnolino aspetta in un angolo
il solito osso e un pezzo di budello.
 
Nelle case si sente il profumo del caffè,
preparato dalle mamme appena alzate
anche per il gatto un goccino c’è,
come ricompensa per i topi presi.
 
Marietta stende il bucato ai balconi,
dopo annaffia i vasi con i fiori,
e mentre canta piano una canzone,
toglie le ragnatele dalle mura.
 
Gaetanino si è affacciato dalla finestra,
e si ha acceso la prima sigaretta,
con la mente già pensa alla minestra
e vorrebbe che mezzodì arrivasse presto.
 
I ragazzi indossano il grembiule,
e si preparano per andare a scuola,
nella borsa una salsiccia di maiale;
sono felici e ognuno gode.
 
Ora sono le dieci in questo vicolo,
e dall’alto appare un ombrello aperto,
e pieno di aghi, fermagli e minuteria varia;
e il “capellaio” e tutta la gente allerta.
 
A mezzogiorno si riempie di cento profumi,
questo vicolo, e Gaetanino è felice
aspettava questo momento da tante ore,
veloce va a mangiare, come il vento.
 
È fatta l’una e qualcuno si va riposa,
tra il fragore di bicchieri e di piatti
una signorina raccoglie il bucato steso,
osservata curiosa, da sotto, da due gatti.
 
Si siede a un gradino assieme i vicini,
adesso sono le quattro, il sole è pallido,
con l’uncinetto ricama due cuscini,
e un fazzoletto dell’amato sposato.
 
È quasi buio e appaiono nel vicolo,
i contadini con la zappa e il mantello,
accolti dai camini accesi,
ora è buio in questo vicolo.
Iscriviti per rimanere informato
Bata - Via Roma - Acri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contentuto protetto!