fbpx

U viacchiu

Bata - Via Roma - Acri
Il Vernacoliere di Angelo Canino
U viacchiu
Tant’anni ci su scritti
a ssa faccia surchijèata,
anni bìalli e madaditti
a ssa varba gnanghijèata.
 
T’azèava assìami u sudu
ppe jjiri a ffatighèari,
u mmastu sup’u mudu,
a zappa ppe zappèari.
 
A cchilli arsi terri
ppe bidari a migliorìa,
e senza guardèari i sperri
fina c’ù sudu punìa.
 
Mo, i forzi t’ho ddassèatu,
u jùarnu mo è d’amèaru
e tu ti sta assettèatu
a nna rèasa e focudèaru.
 
Ti resta llu ricùardu
e chillu c’ha dunèatu,
e no! ca nu n’tu scùardi
chillu tìampu passèatu.
Il vecchio
Tanti anni ci son scritti
a questo viso pieno di rughe
anni belli e maledetti
a questa barba imbiancata
 
Ti alzavi assieme al sole
per andare a lavorare
il basto sopra il mulo
la zappa per zappare
 
In quegli arsi terreni
per vedere migliorìa
e senza guardare l’orologio
finchè il sole non tramontava
 
Adesso, le forze ti hanno abbandonato
il giorno adesso è amaro
e tu ti stai seduto
in un angolo del camino
 
Ti resta il ricordo
di quello che hai dato
e no! che non te lo dimentichi
quel tempo passato.
Iscriviti per rimanere sempre aggiornato
Bata - Via Roma - Acri

Rispondi

error: Contenuto protetto!