fbpx

Ssa brutta vecchia

Il Vernacoliere di Angelo Canino
Ssa brutta vecchia
 
Ha befèana vena lla notti,
ccu nna scupa tutta rutta
mamma mia! Quanti botti!
Intr’a cimineja ncutta.
 
Si combina nu tizzunu,
e cchi ffa ppe dispìattu?
Nu va fancudu a llu patrunu,
e ccarbuna intr’u quazìattu.
 
A matina appena azèatu,
Cosimicchiu va ccampìa
“vorsapì cchi mma pportèatu,
chilla vecchiarella a mmia”!
 
Ssu quazìattu…”ma è vacanti!!
brutta vecchia madaditta!
U mm’ha dassèatu nenti
ppe lla cimineja stritta”!!
 
Si nna vecchia ncatarrèata,
ca alla cheasa e zu Micuzzi
a cimineja lle sciollèata
mma intra a stufa ti cci mpizzi!!
 
Mo n’èatr’anni si si sperta
dassa jiri a cimineja
ca ti dassu a porta aperta
e Cosimicchiu pu si preja.
Questa brutta vecchia

La befana viene la notte /
con una scopa tutta rotta /
mamma mia! quante botte! /
in un caminetto stretto

Si combina un tizzone /
e cosa fa per dispetto? /
un fanculo al padrone  /
e carbone nella calza

La mattina, appena alzato /
Cosimino va a spiare /
“vorrei sapere cosa mi ha portato /
a ma quella vecchietta”

Questa calza …. ma è vuota!! /
brutta vecchia maledetta! /
non mi ha lasciato niente /
per il caminetto stretto

Sei una vecchia malandata /
perché a casa di zio Micuzzo /
il caminetto lo ha rotto /
ma tu dalla stufa sei passata

Ora, il prossimo anno se sei brava /
lascia stare il caminetto /
che ti lascio la porta aperta /
e Cosimino poi è contento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto!