fbpx

A spica e lla paparina

Bata - Via Roma - Acri
Il Vernacoliere di Angelo Canino
A spica e lla paparina
 
Nu jùarnu e giugnu, intra nu davuru,
minèava n’arijicella frisca e ddesiderèata
na spica ch’è ssu ventarìallu era anninnèata
sutta nu murajancu, era ssempri allu scuru.
 
I spichi vicini, èrani belli, àvuti e chjini,
assudicchjèati e chilli sperri vruscenti
s’accarizzàvani tra illi e d’èrani cuntenti,
e cchilla ch’era allu scuru, mazzichèava spini.
 
Cchiu chillavìa, vicinu a spica meadipatuta,
c’era na bella troppa frisca e paparina
schcocchèata, russa, allu sudu e chilla matina,
chi guardèava curiusa chilla spica minuta.
 
“Ppecchì i cumpagni tua su àvuti e chjini,
e tu si rimasta pìcciuda e arrospèata?
O e ncunu si meadivoduta, o si mmadèata,
sutta ssu murajancu suda, senza vicini”.
 
“Sìanti ccà, paparinella bella, sìanti a mmia,
nottanti ti jochèari ccu llu d’arrìadi,
ricordati ca c’è ppuru chi camina senza pìadi,
e cchini senz’ùacchji fa ttanta via.
 
A spùrtuna mia è, ca signu sempri allu scuru,
e ssenza sudu, u ccrìsciu cchiù dde tanti,
ma alla metuta, signu assìami a tutti quanti,
ca  puru u reanicìallu mia fa parti e du davuru.
 
Tu mo si rrussa, e tti sìanti bella e sprinnenti,
ma tra na simèana, ccu llu sudu ch’esci,
pìardi i bellizzi e a nna vota t’ammusci
e dde ssa vita tua, u nn’ha cavèatu nenti”.
La spiga e il papavero
 
Un giorno di giugno, in un campo di grano,
soffiava un’arietta fresca e desiderata
una spiga che di questo venticello era cullata
sotto un gelso, era sempre all’ombra.
 
Le spighe vicine, erano belle, alte e piene,
soleggiate da quei raggi cocenti
s’accarezzavano tra di loro ed erano felici,
e quella che era all’ombra masticava amaro.
 
Più in la, vicino la spiga mal patita,
c’era una bella pianta di papavero
sbocciato, rosso, al sole di quel mattino,
e guardava curioso quella spiga piccola.
 
“Perché le tue compagne sono alte e piene,
e tu sei rimasta piccola e immatura?
O da qualcuno sei mal voluta, o sei malata,
sotto questo gelso da sola, senza vicini”.
 
“Senti un po, papavero mio bello, senti a me,
non prenderti tanto gioco di me,
ricorda che c’è chi cammina senza piedi,
e chi senza occhi fa tanta strada.
 
La mia sfortuna è, quella di essere all’ombra,
e senza il sole, non cresco più di tanto,
ma dopo la mietitura, sono assieme alle altre,
perché anche il mio piccolo grano ne fa parte.
 
Tu ora sei rosso, e ti senti bello e splendente,
ma fra una settimana, con il sole che esce,
perdi la bellezza e di colpo ti appassisci
e di questa vita, non hai ottenuto niente”.
Bata - Via Roma - Acri

Rispondi

error: Contenuto protetto!