fbpx

Covid 19, i dati aggiornati in Calabria

Bata - Via Roma - Acri

Covid 19 lunedi

I calabresi contagiati dal coronavirus sono fino a stamane 620 (65 in più rispetto a sabato). Nuovi casi a Sinopoli, Rizziconi, Cassano e Castrovillari. Un morto ad Amantea.

Le buone notizie

I giorni da bollettino di guerra, con morti e infettati, vengono solo in parte sostituiti da qualche buona notizia. La prima giunge da San Lucido, paese “zona rossa”, nel quale ieri pomeriggio ha fatto rientro una donna di 39 anni, madre di quattro figli ancora minori. La trentanovenne ha lasciato il reparto di Malattie infettive di Cosenza completamente guarita. Il virus, nei giorni scorsi, le aveva ucciso il suocero, che si trovava in Rianimazione nello stesso nosocomio. A Reggio, sempre ieri, un cinquantenne ha lasciato dopo giorni il reparto di Terapia intensiva perchè grazie all’impiego del farmaco della Roche – il Tocilizumab – l’infiammazione ai polmoni è stata totalmente debellata. L’uomo rimarrà ora sotto osservazione nel Grande ospedale metropolitano.

L’avanzata del virus

È morto stanotte al Pugliese Ciaccio di Catanzaro il bidello di Amantea positivo al Covid-19. Era stato trasferito nel capoluogo la scorsa settimana. È la ventiduesima vittima in Calabria. Nel Cosentino l’aumento maggiore di contagiati si registra nella Rogliano, “zona rossa”: risultano contagiate altre sette persone nella cittadina del Savuto che il coronaviorus ha ridotto senza sindaco, vicesindaco e assessori, senza il comandante della polizia municipale e senza nove carabinieri. A Corigliano Rossano due nuovi casi registrati dall’Asp fanno salire il conto degli infettati a 22 con 285 persone in quarantena. A San Lucido altri tamponi positivi con 35 persone contagiate; a Marzi sale a 4 il numero degli infettati, mentre si registrano nuovi casi a Fuscaldo (ora sono 2) e Praia a Mare (solo1) mentre rimangono 9 le persone affette dal virus a Cetraro (compresi i sei pazienti ospedalieri). Situazione stabile a Bocchigliero con 21 casi, mentre si contano un caso per paese a Dipignano, Montalto, Casali del Manco, Mendicino, Carpanzano, Oriolo e Belsito. Un solo caso a Rende e 9 a Cosenza. A Scala Coeli i contagiati salgono a 3. Nuovi casi, uno ciascuno, a Cassano e Castrovillari.

Nel Reggino rimane Reggio la città più esposta al contagio con 105 persone in isolamento domiciliare (le altre 33 sono in provincia) cui si aggiungono 35 pazienti ospedalieri. La mappa dei paesi colpiti rivela sedici casi a Montebello Jonico, due casi a Rizziconi, tre a Taurianova e Rosarno, uno ciascuno a Sinopoli, Gioia Tauro, Bovalino, Marina di Gioiosa, Locri, Bovalino, Cittanova e Caulonia.

Nel Catanzarese la situazione fa registrare l’aumento dei ricoveri in reparto che passano da 16 di sabato a 22 di oggi, con 27 persone in isolamento domiciliare (le altre sono della provincia). Nove i casi a Lamezia Terme, due dei quali in Rianimazione. Il centro più colpito rimane Chiaravalle con 62 contagiati che potrebbero ancora aumentare; un caso ciascuno a Soverato, Cenadi, Torre Ruggero e Valle Fiorita.

Nel Vibonese, il comune “zona rossa” di Serra San Bruno, famoso nel mondo per la certosa in cui si sarebbe nascosto il fisico Ettore Maiorana, registra un incremento di contagi: 21 le persone fino ad oggi positive. Altre 12 sono affettedal coronavirus a Fabrizia, mentre a Vibo il numero dei positivi è salito a 18 tra centro e frazioni di Piscopio e Longobardi. Quattro i ricoverati in ospedale.

Nel Crotonese rimane Cutro il focolaio principale seguito dall’area di Capo Colonna. I ricoverati in ospedale sono 19 mentre gli infetti in isolamento domiciliare 59.

La rabbia del presidente Santelli

Jole Santelli ha evidenziato la carenza di strumenti per le terapie intensive calabresi e di dispositivi di protezione individuale, in particolare le tute: «I posti letto li abbiamo trovati – ha spiegato – ma il governo ancora deve inviarci i ventilatori polmonari». Un’esigenza che si fa ormai necessità alla luce dei numeri di contagiati in crescita continua negli ultimi giorni: «Adesso sta scoppiano il caso delle rsa, le case per gli anziani, tanto che ho dovuto chiudere dodici comuni per cercare di contenere il contagio e ho anche disposto l’esecuzione di tamponi agli operatori sanitari di rsa e ospedali».

La mappa del contagio

Territorialmente, i casi positivi sono così distribuiti:

  • Catanzaro: 22 in reparto; 11 in rianimazione; 102 in isolamento domiciliare; 4 guariti; 1 deceduto
  • Cosenza: 49 in reparto; 3 in rianimazione; 104 in isolamento domiciliare; 1 guarito; 11 deceduti
  • Reggio Calabria: 31 in reparto; 4 in rianimazione; 138 in isolamento domiciliare; 7 guariti; 9 deceduti
  • Vibo Valentia: 3 in reparto; 1 in rianimazione; 31 in isolamento domiciliare; 1 deceduto

Crotone: 19 in reparto; 0 in rianimazione; 59 in isolamento domiciliare; 3 deceduto

L’isolamento volontario

I soggetti in quarantena volontaria sono 8198, così distribuiti:

  • Cosenza: 2203
  • Crotone: 1023
  • Catanzaro: 1037
  • Vibo Valentia: 658
  • Reggio Calabria: 3277

Le persone giunte in Calabria che si sono registrate al sito della Regione Calabria sono 12.227

Un pensiero felice a tutti. Buona giornata. Coraggio.

Arcangelo Badolati

Bata - Via Roma - Acri

Rispondi

error: Contenuto protetto!