fbpx

N’cumpagnìa e nullu

Bata - Via Roma - Acri
Il Vernacoliere di Angelo Canino
N’cumpagnìa e nullu
 
Tanti su lli mùarti e nni mùarini ugne juarnu
duntèanu e d’amici e dde tutti i parìanti,
senza sèntari nu pocu e affettu attuarnu
nemmeni u chjantu e di chèari e lli damìanti.
D’ùnica cumpagnia c’a ss’ànimi, cci fèani
su lli mìadici e lli mpermiari, stremèati;
na maschcara alla faccia, i guanti alli mèani,
soppòrtani u stràziu e ssi pòvari sbenturèati.
Mancu na cannida, ppe nnu pocu e duci,
mancu na preghìara cumi ùrtimu sadutu,
puru doppi mùarti ppe d’illi nun c’è pèaci,
appena carrichèatu, nu càmmiu si nn’è jutu.
Accùati e nu pajisi duvi mancu ci su nnèati,
cummoglièati e terra strània cu nn’è lla sua;
“deccussì rranni èrani i vùastri pecchèati?
A cchini èati fatti mèadu tutti quanti vua”?
Sbrìgati a ppassèari brutta bestia muta,
supra a cuscìanzia tìani tant’animi innocenti
tanta pòvara genti chi ppe ttia si nn’è jjuta
pacìanzia n’èatru pocu, e pu un si cchiù nenti.
In compagnia di nessuno

Tanti sono i morti e ne muoiono ogni giorno,
lontano dagli amici e da tutti i parenti,
senza sentire un po di affetto attorno
nemmeno il pianto dei cari e i lamenti.
L’unica compagnia che a queste anime fanno
sono i medici e gli infermieri, stremati;
una mascherina al viso, i guanti alle mani,
sopportano lo strazio di questi sventurati.
Neanche una candela per un po di luce,
neanche una preghiera come ultimo saluto,
anche dopo morti per loro non vi è pace,
appena caricato, un camion se n’è andato.
Accolti da un paese dove nemmeno sono nati,
coperti di terra estranea che non è la loro;
“così grandi erano i vostri peccati?
A chi avete fatto del male tutti quanti voi”?
Sbrigati a passare brutta bestia muta,
sulla coscienza tieni tante anime innocenti
tanta gente che per colpa tua se n’è andata
pazienza un altro po e poi non sei più niente.
Bata - Via Roma - Acri

Rispondi

error: Contenuto protetto!