fbpx

Intra ssa notti e agustu

Bata - Via Roma - Acri
Il Vernacoliere di Angelo Canino
Intra ssa notti e agustu
 
Stanotti a duna duccichìa e jjoca ccu lli stilli,
e cca ssutta ha guàrdani curiusi i cechèati
tutti misi a ffida ccu lli ducicchji appiccèati,
intra ssa notti càntani, ammirèati e di grilli.

Mina n’arijicella fina e ttanta desiderèata,
c’anninna llu davuru a ddestra e a mmanca,
puru senza fèari nenti, a vita a sìanti stanca,
e bodissi stèari fori intra ssa càvuda nottèata.

Intra ssa notti e agustu tu avissi vodutu stèari,
ccu cchilla chi ti cci vodìa spàrtari lu cori,
d’amuru s’u llu stùzzichi a pocu a pocu mori,
ppe cchissi vodìa ccu d’illa amureggèari.

Ll’avissi voduta ppe ll’ìnchjari e vasuna,
ll’avissi vodutu diri parodi duci cum’u medu
ll’avissi vodutu diri ch’è ttìampu de lu vedu
guardanni n’cìadu versi chilla bella duna.

Ma u destinu u dduna a ttutti vita affurtunèata
a vita a cchini a sarba bella e a cchini cupa
e lla sua è mmìanzu all’angiudi e lla ssupa
ppe ccurpa na notti e nu pazzu ppe lla strèata.

E mmo tu sta llùachi intra ssa notti e agustu,
e ggùardi a duna ducenti chi joca ccu lli stilli
chisà a vidissi mischchèata a cchilli milli
chisà a vidi chilla regina e tti passa llu sustu.

In questa notte d’agosto
 
Stanotte la luna luccica e gioca con le stelle,
e da qui sotto la guardano curiose le cicale,
tutte messe in fila con le lucine accese,
in questa notte cantano, ammirate dai grilli.
 
C’è un’arietta lieve e tanto desiderata,
dondola il maggese a destra e a sinistra,
anche senza far niente, il corpo senti stanco,
e vorresti stare fuori in questa calda notte.
 
In questa notte d’agosto tu avresti voluto stare
con colei che volevi dividere il tuo cuore,
l’amore se non lo stuzzichi lentamente muore,
per questo volevi con lei amoreggiare.
 
L’avresti voluta per riempirla di baci,
gli avresti detto parole dolci come il miele
gli avresti voluto dire che è tempo per il velo
guardando in cielo verso quella bella luna.
 
Ma il destino non riserva a tutti vita fortunata,
la vita a chi la riserva bella e a chi cupa
e la sua è in mezzo agli angeli la sopra
per colpa una notte di un pazzo per strada.
 
E ora tu stai qui in questa notte d’agosto,
e guardi la luna lucente che gioca con le stelle
casomai la vedi fra tutti quegli angeli,
casomai vedi la tua regina e ti passa il magone
 

Bata - Via Roma - Acri

Rispondi

error: Contenuto protetto!