fbpx

Ti ricùardi?

Bata - Via Roma - Acri
Il Vernacoliere di Angelo Canino
Ti ricùardi?
 
Ti ricùardi e chillu tìampu passèatu?
chi sempri intr’u cori nùastru portèamu,
iu e ttia, quanti nn’èamu combinèatu!
e nna cùcchia alli genti mo i ccuntèamu…
 
Ti ricùardi u caminu intra chilli cavarelli?
I signorinelli ricamàvani u corredu,
quanni i jurnèati èrani tanti belli
e lli giovanotti jìani cumi i muschi allu medu.
 
Ti ricùardi quanni escìamu e da scoda?
ppe cchilla via, i jochèati a llu cirillu,
e di Cappuccini fin’a ghjiasia e Santanicoda
e da Chiazza e di frutti fina llu Pizzillu.
 
Ti ricùardi quanni ni simi fatti ziti?
tu ccu Giuseppina, iu ccu Mmacudèata,
sutta chilli adivi, quanti cummiti!
a llu mmicciunu, na carizza e nna vasèata.
 
Ti ricùardi quanni jìamu ppe lli majisi?
ccu nnu fidu e erba, ‘ncacchijàvamu i ducerti
intra chilli prèati juruti, quanti risi!
secutanni i farfalli a brazza aperti.
 
Ti ricùardi a carnudevèaru ca ni vestìamu?
iu e pecurèaru e tu e meadichiamèati,
intra chilli cavarelli stritti, ni nni jìamu,
ricoglìamu vinu, sazizzi e ssuppressèati.
 
Ti ricùardi quanni jìamu ppe lla via?
ccu cchilla carrozza fatta e dignu,
e lla sira alla ricota, provàvamu a currìja
s’ha lli jinocchjia portàvamu u vitrùagnu.
 
E tti ricùardi i jùarni a cchilli Monachelli?
quanti càvuci tirèati a llu pallunu!
i gridèati e di finestri, e chilli vecchiarelli,
e lli jestigni mannèati a dugnedunu.
 
Pu, tu ricùardi a Donnuntoniu Pellegrinu?
iu aprìa lla ghjiasia e ssonèava lla campèana,
illu dicìa lla missa alli setti e du matinu,
orameaji iu c’avìa pijèatu a mèana.
 
S’e chillu tìampu, ti ricùardi tutti ssi ricùardi,
chiudi d’ùacchji e ‘ncigna a tti sonnèari,
ppe tti scordèari ssi tìampi e mo, tanti dùardi
e pprega a llu Signuru ppe lli ccangèari
Ti ricordi?
 
Ti ricordi di quel tempo passato?
che per sempre nel nostro cuore portiamo,
io e te, quante ne abbiamo combinate!
e alcune alla gente ora le raccontiamo.
 
Ti ricordi il cammino in quelle viuzze?
le signorine ricamavano il corredo,
quando le giornate erano soleggiate
e i maschi passavano e ripassavano.
 
Ti ricordi quando uscivamo dalla scuola?
lungo la strada, giocavamo con la trottola,
da Cappuccini fino la chiesa di San Nicola,
da Piazza dei frutti fino al Pizzillo.
 
Ti ricordi quando ci siamo fidanzati?
tu con Giuseppina, io con Immacolata,
sotto quegli ulivi, quante scampagnate!
di nascosto, una carezza e un bacio.
 
Ti ricordi quando andavamo nei maggesi?
con un filo d’erba catturavamo le lucertole,
in quei prati fioriti, quante risate!
rincorrendo le farfalle a braccia aperte.
 
Ti ricordi a carnevale che ci mascheravamo?
Io di pecoraio e tu di poveretto,
in quei vicoletti stretti, andavamo,
guadagnavamo vino, salsicce e soppressate.
 
Ti ricordi quando andavamo per strada?
con quella carrozza fatta di legno,
e la sera al ritorno, assaggiavamo la cinghia,
se avevamo le bucce alle ginocchia.
 
E ti ricordi le giornate alle Monachelle?
quanti calci tirati al pallone!
le sgridate dalle finestre delle vecchiette,
e le bestemmie mandate a tutti noi.
 
Poi, te lo ricordi a Don Antonio Pellegrino?
io aprivo la chiesa e suonavo la campana,
lui diceva messa alle sette del mattino,
ormai io, mi ero abituato a fare quello.
 
Se di quel tempo, ti ricordi tutti questi ricordi,
chiudi gli occhi e inizia a sognare,
per dimenticarti i tempi di adesso, tanto brutti,
e prega il Signore affinché li cambi

Bata - Via Roma - Acri
Iscriviti per rimanere sempre aggiornato
Loading

Rispondi

error: Contenuto protetto!