fbpx

Chill’ùrtimu scadunu

Bata - Via Roma - Acri
Il Vernacoliere di Angelo Canino
Chill’ùrtimu scadunu
 
E’caminèatu tantu tutti ss’anni,
è chjinu a vita mia e tantu doduru,
è fatighèatu ccu lli forzi e ccu ll’affanni,
ccu lla duci e du sudu e ccu llu scuru.
 
A vigna ch’è chjantèatu tìampu arrìadi,
ugne d’annu m’ha ddunèatu sangu russu,
ci su stèati puru ugnettanti i medannèati
allura jestimèava e storcìa llu mussu.
 
I pira, i mida e ll’èatri àrburi tutti,
chjantèati ccu d’amuru a cchilla terra
mi dunàvani ugne d’annu tanti frutti
e ho resistutu a friddu, niva e guerra.
 
Tantu beni è vodutu alla famiglia,
a cchiù bella cosa de ssa vita mia
e quanni ssa menti mia si risbiglia,
mi ricorda chillu chi ccu d’illi si facìa.
 
Mo chjèanu conzumu i cùasti e lla catreja,
e ugne d’annu acchjèanu nu scadunu,
fin’acquanni ssa catreja tena forza e reja,
fina chi terra fina diventa ssu mattunu.
 
A vita è nna scaduneata irta e spèara,
e nnun si sa e quanti scaduna e lla mia
a boti è stèata duci, a boti è stèata amèara
ma ll’è caminèata fin’a d’oji chissa via.
 
Mo arrancu chjèanu ssa scadunèata adirtu,
vodissa nn’aiutu o nu sollìavu e ncunu
fazzu ss’ùrtimu sporzu ppe ffiniri ss’irtu
fina c’unn’arrivu all’urtimu scadunu.
Quell’ultimo scalino
 
Ho camminato tanto questi anni,
ho pieno la vita mia di tanto dolore,
ho lavorato con le forze e con gli affanni,
con la luce del sole e con lo scuro.
 
La vigna che ho trapiantato tempo addietro,
ogni anno mi ha donato sangue rosso,
ci sono state pure le brutte annate,
allora bestemmiavo e storcevo il muso.
 
I peri, i meli e gli altri alberi tutti,
trapiantati con amore in quella terra
mi donavano ogni anno tanti frutti
e hanno resistito a freddo, neve e guerra.
 
Tanto bene ho voluto alla famiglia,
la più bella cosa di questa vita mia,
e quando questa mente mia si sveglia,
mi ricorda quello che con loro si faceva.
 
Ora piano consumo il costato e la schiena,
e ogni anno salgo uno scalino,
fino a che questa schiena ha forza e regge,
fino a che terra fine diventa questo mattone.
 
La vita è una scalinata erta e impervia,
e non si sa di quanti scalini è la mia
a volte è stata dolce, a volte è stata amara
ma l’ho camminata fino a oggi questa via.
 
Ora arranco piano per questa scalinata,
vorrei un aiuto o un sollievo da qualcuno
faccio quest’ultimo sforzo per finire l’erta
fino a che non arrivo all’ultimo scalino.
Bata - Via Roma - Acri

Rispondi

error: Contenuto protetto!