fbpx

C’èrani mumenti, na vota…

Il Vernacoliere di Angelo Canino
C’èrani mumenti, na vota …
 
C’èrani mumenti na vota,
chi mò un ci su cchiù,
si jìa ccu lla ciuccia alla cota,
sacrifici e gioventù.
 
Si jia alla “jirivota”,
a ddavèari a dèana alli “vaschi”
alla ‘mmrunèata a ricota,
ccu lla dèana e nna sàrcina e fraschi.
 
C’èrani mumenti na vota,
chi mò un ci su cchiù,
si jia allu “menzullu”
a d’accattèari duv’e Ccentullu.
 
Si jia alla forgia e da “petrèara”,
ccu llu ciucciu e ccu llu mudu,
‘mpretta ‘mpretta facìani a gghèara,
allu pùnari e du sudu.
 
C’èrani mumenti na vota,
chi mò un ci su cchiù,
si jia alla “viaranna” a d’aspettèari,
ca passèava llu capillèari
 
i capilli cci dunèava,
ccu èachi e spìnngudi ti ccangèava,
ccu mutandini e ccu mmolletti,
ccu mmuccaturi e ccu fferretti.
 
C’èrani mumenti na vota,
chi mò un ci su cchiù,
si jia alli cantini,
ccu scarafùagli e ccu ddupini.
 
Si jia ccu lla cista alla jumèara
a ffèari a vuchèata
ppe nna via tutta spèara
alla fina e da jurnèata.
 
Si jia duvi a “Napudutèana”,
ppe nna storta alla mèana,
na bella sputazzèata,
na strajuta e nna pichèata.
 
C’èrani mumenti na vota,
chi mò un ci su cchiù,
èrani mumenti aggrazièati,
mumenti e tìampi passèati.

Jirivota, petrara, viaranna (borghi di Acri)
·         Menzullo (misura per cereali in Pzza S.Domenico)
·         Capillaro (barattava i capelli con varie minuterie)
·         Napoletana (Angela Canino, mia zia, abile nel guarire slogature)
 

C’erano momenti, una volta
 
C’erano momenti una volta,
che adesso non ci sono più,
si andava con l’asino al podere,
sacrifici di gioventù.
 
Si andava alla “jirivota”,
a lavare la lana alle vasche,
al tramonto, il ritorno,
con la lana e una fascina di frasche.
 
C’erano momenti, una volta,
che adesso non ci sono più,
si andava al “menzullo”,
a comprare da “Centullo”.
 
Si andava dal fabbro alla “petrara”,
con l’asino e col mulo,
con molta fratta, facevano a gara,
al tramontare del sole.
 
C’erano momenti, una volta,
che adesso non ci sono più,
si andava alla “viaranna” ad aspettare,
finchè passava il “capillaro”.
 
Gli davi i capelli,
e con aghi e spille li barattava,
con mutandine e con pinze,
con fazzoletti e con ferretti.
 
C’erano momenti, una volta,
che adesso non ci sono più,
si andava alle cantine,
con ciccioli e con lupini.
 
Si andava con la cesta alla fiumara,
a lavare il bucato.
per una via impervia,
a fine giornata.
 
Si andava dalla “Napoletana”,
per una storta alla mano,
una bella sputata,
una massaggiata e una “picata”.
 
C’erano momenti, una volta,
che adesso non ci sono più,
erano momenti aggraziati
momenti dei tempi passati.

Rispondi

error: Contenuto protetto!