fbpx

Intra a càggia

Il Vernacoliere di Angelo Canino
Intra a càggia
 
Intra na càggia appichèata a nnu barcunìallu,
mmìanzu a cchèapi e cipulla e a trizzi e àglia
tutti i jùarni canta adirèatu chill’acìallu,
ccu llu sudu, ccu ll’acqua e ccu lla nèglia.
 
Vuda dde n’asta a nn’èatra n’continuazioni,
mova lla capuzza guardanni e ccà e dde llà,
mancu s’avissa ffattu tanti meadazioni,
chìangia lli peni e ncunu, e nnu llu sa.
 
Illu è nchiusu llà sudu ppe nnu chiuritu,
e ncunu farabuttu c’u ttena nenti e fèari,
e fatighèari mo ch’è biacchiu, ha ffinitu,
e ssi dicrìa allu sèntari tristi cantèari.
 
A sira quanni u sudu va e d’èsci lla duna,
d’acelluzzu u ccanta cchiù ca s’è stanchèatu,
campìani puru i stilli a d’una a d’una,
e lli fèani cumpagnìa mo ch’è assonnèatu.
 
Chjica lla capuzza e ddorma finalmenti,
e fforsi si sonna nnu cìadu ppe budèari,
dduvi potiri cantèari dìbaru e allegramenti,
duvi nulla mèana, u llu po cchiù munestèari.

In gabbia
 
In una gabbia appesa su un balconcino,
fra mazzi di cipolle e trecce d’aglio
tutti i giorni canta adirato un uccellino,
col sole, con la pioggia e con la nebbia.
 
Vola da un’asta all’altra in continuazione,
muove il capo guardando di qua e di la,
nemmeno avesse fatto tante male azioni,
piange le pene di qualcuno e non lo sa.
 
Esso è rinchiuso li solo per uno sfizio,
da qualche farabutto che non ha niente da fare
di lavorare ora che è vecchio, ha finito,
e si diverte a sentirlo triste cantare.
 
La sera quando il sole va via ed esce la luna,
l’uccellino non canta più perché è stanco,
escono anche le stelle ad una ad una,
e gli fanno compagnia ore che è assonnato.
 
Piega il capo e dorme finalmente,
e forse sogna un cielo in cui volare,
dove poter cantare libero e allegramente,
dove qualsiasi mano, non può più molestarlo.










Rispondi

error: Contenuto protetto!