fbpx

Settembri

Il Vernacoliere di Angelo Canino
Settembri
 
Misu riccu ppe lli terri
civu a boffa ppe lli verri
fica janca e zingarella
settermina a vajanella
u midu, u piru e lla vallèana
a nuci de Campèana
u granèatu
chi si spacca e bo mmangèatu.
 
Sutta u pinu esci llu funciu
ppe lla cista è ppront’u junciu
cùatu u pipu ppe mpidèari
appichèatu ppe ssicchèari
 
A cunserba, ppe llu còmmid’e ll’amici
dumincèani a d’aschchipici
a crucetta e fichi sicchi
oji ssu misu cum’e rriccu!
… è llu misu de settembri
… potissa stèari sempri!
Settembre
 
Mese ricco per i terreni
cibo a volontà per i maiali 
il fico verde e nero 
di settembre la faggiola. 
Il melo, il pero e il nocciolo 
la noce di Campana 
il melograno
che si apre e deve essere mangiato. 
 
Sotto il pino nasce il fungo
per il cesto è pronto il salice 
raccolto il peperone da infilare
appeso ad essiccare. 
 
La salsa per il comodo e gli amici 
melanzane sottaceto 
le crucette di fichi al forno
oh! questo mese come è ricco!
… È il mese di settembre 
… potesse rimanere sempre.
 

Rispondi

error: Contenuto protetto!