fbpx

M’è sonnèatu

Bata - Via Roma - Acri
Il Vernacoliere di Angelo Canino
M’è sonnèatu
 
M’è sonnèatu nu sùannu bruttu,
nu sùannu tintu, nu sùannu e duttu
mo aspìattu u sudu campijèari
ca ccu lla notti un se dde cuntèari.
 
A jurnèata unn’era dda meglia,
u cìadu era ‘nchiùsu e cchjin’e neglia,
“u sudu oji fa llu farabuttu
e nnu mmi fa ccuntèari u sùannu e duttu”.
 
Tutt’annavota esci na sgannghia,
“veniti tutti cca vicinu a mmia!!
Ca si ssu sudu fa nna sbota,
si ‘ncazza e ss’ammùccia n’èatra vota”.
 
Ssu sùannu è dde mia fravicaturu,
chi stèava ffatiganni supa nu muru;
stàtivi cca vicinu a mmia, assettèati
sentìti cchi ssùannu m’è sonnèatu:
 
Mintìa mattuni ccu ccàvuci e ccimentu,
a ‘mpalcatura era nnu pocu penninenti
n’acciampichèata e ‘nterra signu jutu
e tri mmetri, a cheapa èaiu sbattutu.
 
Ppe cchissi oji un ci vèaiu a ffatighèari,
mi nni vèaiu intra d’ùartu a mmi sbaghèari
ca iu alli sùanni ci criju tuttu,
specialmenti a cchilli sùanni e duttu.
 
Sagliutu ppe pputèari nu cerèasu,
tagliu nu pranzu troppi rèasu,
si spezza llu pranzu, signu cadutu,
e tri mmetri, a chèapa è sbattutu.
 
Quanni mi signu risbiglièatu …
… era mmìanzu all’àngiudi e du Crijèatu.
 





































Ho sognato
 
Ho sognato un sogno brutto,
un sogno nero, un sogno di lutto,
ora aspetto il sole sorgere
 col buio non dev’essere raccontato.
 
La giornata non era delle migliori,
il cielo era cupo, pieno di nebbia,
“il sole oggi fa il farabutto
e non mi fa raccontare il sogno di lutto.
 
Tutt’un tratto esce un raggio,
“venite tutti qua vicino a me !!
Se il sole “ci ripensa”
Si incazza e si nasconde nuovamente”.
 
Questo sogno è di me muratore,
che stavo lavorando su di un muro;
statevi qua vicino a me, seduti
sentite che sogno ho sognato:
 
muravo mattoni con calce e cemento,
l’impalcatura era un pò in discesa
sono inciampato e per terra son caduto
da tre metri, la testa ho sbattuto.
 
Per questo oggi non vado a lavorare,
me ne vado nell’orto a svagare
perché io ai sogni ci credo tutto,
specialmente a quei sogni di lutto.
 
Salito per potare un ciliegio,
taglio un ramo troppo rasente,
si spezza il ramo, sono caduto,
da tre metri, la testa ho sbattuto.
 Quando mi sono svegliato …
… ero tra gli angeli del Creato.






































Bata - Via Roma - Acri
Iscriviti per rimanere sempre aggiornato
Loading

Rispondi

error: Contenuto protetto!