fbpx

A vrocca, u serbijettu e llu cucchjèaru

Bata - Via Roma - Acri
Il Vernacoliere di Angelo Canino
A vrocca, u serbijettu e llu cucchjèaru
 
Nu jùarnu na vrocca s’ha mmisu mmenti
e fissijèari alla tàvuda u cucchjèaru,
a tàvuda parèata e cchjina e genti,
chilla stanza assimijèava nu vespèaru.
 
“Tu! Ha ddittu a vrocca, alla tàvuda u ssiarbi,
ca u vì! È arrivèatu l’antipastu e cci vùagl’iu,
iu mpidu adivi, formàggi e ccarna ccu li nìarbi
ssa bella dentatura mi ll’ha ddunèata Diu!
 
Mo che arrivèata a pasta si ssempri a ssa rèasa
mi guardi e ssi mmidiusu quanni a mpidu,
signu a regina e da tàvuda e dda chèasa,
ti viu sudu ccu llu serbijettu e d’iu cci ridu”.
 
“Ti via fissa! Ha rrispusu u cucchjèaru,
tu si bona ppe pùngiari e ppe mpidèari,
tìani a mmenti ssa cosa chi ti mpèaru,
ccu ttia u brodu, cumi fèani a ssu mangèari?
 
E ppu a mmia mi tràttani e veru rre!
tanti e tanti voti m’ùsani ppe mmisurèari,
u sciruppu, d’ùagliu ppe lli durci e llu cafè,
ccu ttìa, nn’avìani voglia e jestimèari!”
 
u serbijèttu, unchja unchja e ll’ha rrispusu,
“è tìampu persu stèari a bi detichèari,
siti vicini, assìami e ppronti all’usu,
o unu o d’èatru a sseconda e du mangèari,
 
vi pòrtani intra a vucca a ttutt’i dua,
v’ìnchjini e mùzzicuni tutti chilli dentaturi
vi pijèati a sputazza e lli diccatini sua,
e lli jèati puzzudenti v’ammùcciani d’orduri.
 
U rre alla tàvuda sign’iu, iu signu perfettu,
signu buanuvistu e amèatu e tutti li persuni,
sia fìmmini ca màscudi mi pòrtani u rispettu
ca m’ìnchjini sudu e rossettu e dde vasuni!”
 
 
La forchetta, il tovagliolo e il cucchiaio
 
Un giorno una forchetta si è messa in testa,
di schernire a tavola il cucchiaio,
il tavolo imbandito e pieno di gente,
quella stanza sembrava un vespaio.
 
“Tu! Disse la forchetta, a tavola non servi,
perché vedi, è arrivato l’antipasto e servo io,
io infilzo olive, formaggi e carne con i nervi,
questa bella dentatura me la data Dio.
 
Ora che è arrivata la pasta sei sempre fermo la
Mi guardi e sei invidioso quando la infilzo,
sono la regina della tavola e della casa,
ti vedo da solo con il tovagliolo e io rido”.
 
“Sei una stupida! Ha risposto il cucchiaio,
tu sei buona per pungere e per infilzare,
ricordati quello che sto per dirti,
con te il brodo come fanno a mangiarlo?
 
E poi, a me mi trattano da vero re!
Tante e tante volte mi usano per misurare,
lo sciroppo, l’olio per i dolci e il caffè,
con te, hai voglia! Di bestemmiare!”
 
il tovagliolo, si sentì offeso e ha risposto,
“è tempo perso stare a litigare,
siete vicini, insieme e pronti all’uso,
o una o l’altro, dipende dal cibo.
 
Vi portano in bocca a tutti e due,
vi riempiono di morsi tutte quelle dentature,
vi prendete la saliva e le leccate loro,
e gli aliti cattivi vi nascondono gli odori.
 
Il re a tavola sono io, io sono perfetto,
sono ben visto e amato da tutte le persone,
sia donne che uomini mi portano rispetto,
mi riempiono soltanto di rossetto e di baci!.




Bata - Via Roma - Acri

Rispondi

error: Contenuto protetto!