fbpx

Chissa è lla vita

Bata - Via Roma - Acri
Il Vernacoliere di Angelo Canino
Chissa è lla vita
 
Appena nèatu, chiangi e rridi sudamenti,
ti guardi ‘ntùarnu, senza capiri nenti,
centinèari e fasciaturi t’ho ccangèati,
alla minna, centinèari e appizzichèati.
 
Si ‘mparèatu chièanu chièanu a ccaminèari,
a ccanùsciari tèata e tèatu e d’ha pparrèari,
nu nastru e nnu sinèadu e ssi alla scoda,
si ffattu giuvanìallu e ha “armèatu a taglioda”.
 
Ti si ffattu zitu, ccu cchilla chi ci ‘ngarra,
t’a spusi,allu sùan’e n’organetta e nna catarra
jìatti suduri, facìanni scippi e ssurca,
fin’acquanni u sudu un si va ccurca.
 
Na sozzarella e terra t’ha accattèatu,
na ricota cheasicella ha fravichèatu,
cangi cìantu patruni, e unu a nn’èatru
u pèanu serba, mo chi si ffattu pèatru.
 
Chieanu chieanu si fèani ranni pur’i figli,
e tu nu smìatti e lli dèari cunzigli,
si spùsani pur’illi, tu mo si stancu,
a schchina è chjichèata, u capillu fattu  jancu.
 
T’ìascini i risa, quanni guardi i niputi,
t’esci llu chiantu, penzanni i tìampi juti,
ca mo si ffattu e novantanni,
e cchiangi e rridi cume ttanni.
 
E’ daveri bella a vita quanni a cunti,
quanni su ttutti ‘ntùarnu u focudèaru rijunti
è cumi na canzuna, ‘ncignèata e mmèai finita
chissa è lla vita.
 
Questa è la vita
 
Appena nato, piangi e ridi soltanto,
 guardi intorno, senza capire nulla,
centinaia di fasce ti hanno cambiato,
al seno, centinaia di succhiate.
 
hai imparato lentamente a camminare,
a conoscere mamma e papà e a parlare,
un fiocco e un grembiule e sei a scuola,
sei diventato grande e ti sei innamorato.
 
Ti sei fidanzato con quella che ti piaceva,
        la sposi, al suono di organetto e chitarra
versi sudore, facendo scavi e solchi,
finché il sole non tramonta.
 
Un pezzetto di terreno ti sei comprato,
una piccola casetta hai costruito,
cambi cento padroni, da uno a un altro,
il pane serve, adesso che sei padre.
 
Piano piano diventano grandi i figli,
e tu non smetti di dar loro consigli,
si sposano anche loro, tu ora sei stanco,
la schiena è curva, il capello è bianco.
 
Ti viene da ridere quando osservi i nipoti,
ti vien da piangere, pensando al tempo andato
perché ora hai novant’anni,
e piangi e ridi come allora.
 
E’veramente bella la vita, quando la racconti,
quando, sono tutti attorno al caminetto,
è come una canzone, iniziata e mai finita,
questa è la vita.





Bata - Via Roma - Acri

Rispondi

error: Contenuto protetto!