fbpx

U scadunu e da chjanca

Bata - Via Roma - Acri
Il Vernacoliere di Angelo Canino
U scadunu e da chjanca
 
Si ssu scadunu potissa pparrèari
e tuttu chillu c’ha bistu menz’a via,
ssu scadunu e da chjanca e dduve mmia
quanti fatti potissa ccuntèari!
 
Ranni e ppìcciudi ll’ho zzampèatu,
ccu scarpi ccu lli tacci, chjin’e terra,
ccu scarponi e soda, tìampi e guerra,
e a ppocu a ppocu ll’ho ccunzumèatu.
 
Ll’ho zzampèatu genti ccu lli mustazzi,
fìmmini ccu lli tacchi pizzuti,
puru chilli tanti genti meadipatuti,
ccu lli stampelli sutta i vrazzi.
 
Ha ssentutu discussioni e tutti i maneri,
e chini dicìa c’a carna u ll’era ppiaciuta,
chini mmeci ll’avìa ttrovèata sapurita,
e ttanti fatti ancora, fàvuzi e vveri.
 
Meaditrattèatu e tutti quanti,
zampèatu e ugne d’unu chi trasìa,
e notti, a porta chiusa e d’illu menzavia,
abbuschcanni sputazzèati e di passanti.
 
U gattu ugnettanti si ci assudicchièava,
e a pocu a pocu na bella dormuta si ci facìa
e cumi diventava furìastu, arrassisia!
Quanni ‘ncunu a cuda lli zampèava!
 
I chèani avanti a d’illu a lla stess’ura,
ppe d’illi ssu scadunu era cumi nu fùassu,
e quanni u chjanchìari lli jettèava nn’ùassu,
si nni jìani, sadutanni ccu lla cuda.
 
Ha ccumportèatu u friddu e chilli vernèati,
d’acquazzuni e cchilli friddi e chèani,
e di punenti e dde di tramuntèani,
e quanni era ammuccèatu, e chilli nivichèati.
 
Ssu scadunu sta lla cunzumèatu e di pedèati,
e chilli genti chi su ttrasuti e d’esciuti
a cchilla chjanca, a cchilli tìampi juti,
e ssi ricorda e quanti ll’ho zzampeatu.

Il gradino della macelleria
 
Se questo gradino potesse parlare,
di tutto ciò che ha visto fuori
questo gradino della mia macelleria
quanti fatti potrebbe raccontare!
 
Grandi e piccini lo hanno calpestato,
con scarpe con i chiodi, pieni di terriccio,
con scarponi di suola, in tempo di guerre,
e a poco a poco lo hanno consumato.
 
Lo ha calpestato gente con i baffi,
donne con i tacchi appuntiti,
anche quella tanta gente male patita
con le stampelle sotto le braccia.
 
Ha sentito discussioni di ogni tipo,
di chi diceva che la carne non gli era piaciuta,
di chi invece, l’aveva trovata saporita,
e tanti fatti ancora, falsi e veri.
 
Maltrattato da tutti quanti,
calpestato da chiunque entrasse dentro,
di notte la porta chiusa e lui fuori,
ricevendo sputazzate dai passanti.
 
Il gatto ogni tanto vi prendeva il sole,
e dopo un pò una bella dormita vi faceva,
e come diventava aggressivo, mamma mia!
quando qualcuno gli pestava la coda!
 
I cani davanti ad esso alla stessa ora,
per loro quel gradino era come un fosso,
e quando il macellaio gli buttava un osso,
se ne andavano, salutando con la coda.
 
Ha resistito al freddo di quegli inverni,
degli acquazzoni e di quei freddi da cane,
dei ponenti e delle tramontane,
e di quando era coperto da quelle nevicate.
 
Questo gradino sta li, consumato dalle pedate,
da quelle genti che sono entrate e uscite,
in quella macelleria, di quei tempi andati,
e si ricorda di quanti lo hanno calpestato.
Bata - Via Roma - Acri

Rispondi

error: Contenuto protetto!