fbpx

U scupaturu

Bata - Via Roma - Acri
Il Vernacoliere di Angelo Canino
U scupaturu
 
‘Ncignèava quanni ancora era nnotti,
na padetta, tenìa ssempri alli mèani,
na scupa, fatta e troppi e schcantramèani
e nnu bidonu ccu lli roti e chjinu e botti.
 
Nu pèari e scarponi, ccu nna tàccia,
na giacca e chilli c’un s’ùsani cchiù,
allu berrettu na “enne” ccu nna “u”
a varba donga sempri a cchilla fàccia.
 
Tutti i matini si nni jia alla zona sua,
e annettèava chilli strèati e ccavarelli,
a genti a matina i ttrovèava belli
senza a munnizza dassèata e tutti nua.
 
A matina chilli viji erani tutti netti,
scupèati ccu ppassioni e ccu d’amuru,
alla finita si sentìa nu bell’orduru,
e nterra mancu nu mmuzzuni e sigaretti.
 
Na vota ssu mestìari era meadivistu,
appartenìa allu pòvaru e allu pezzentu,
ma chini avìa orgogliu e ssentimentu,
u facìa e ringrazijèava a Gesu Cristu.
Lo spazzino
 
Iniziava quando ancora era notte,
una paletta aveva sempre alle mani,
una scopa, fatta con rami di erica
e un bidone con le ruote, tutto ammaccato.
 
Un paio di scarponi, con un chiodo,
una giacca di quelle che non si usano più,
al berretto una “enne” e una “u”
la barba lunga sempre su quel viso.
 
Tutte le mattine se ne andava alla sua zona,
e puliva quelle strade e quei vicoli,
la gente la mattina le trovava belle,
senza più la sporcizia lasciata da tutti noi.
 
La mattina quelle vie erano tutte pulite,
scopate con passione e con amore,
alla fine si sentiva un buon odore,
e per terra neanche una cicca di sigaretta.
 
Un tempo questo mestiere era malvisto,
apparteneva al povero e al pezzente,
ma chi aveva orgoglio e sentimento,
lo svolgeva e ringraziava a Gesù Cristo.
Bata - Via Roma - Acri

Rispondi

error: Contenuto protetto!