fbpx

Chill’amèaru vìarnu

Il Vernacoliere di Angelo Canino
Chill’amèaru vìarnu
 
U fùacu vrùscia e schcattarìa,
stanni u vìarnu è ddaveri amèaru,
u fumu anneglia chilla stanza,
e di gagli si ‘mpizza lla tramuntèana,
Taresina fatiga cu lli fìarri,
sta ‘ntrìzzanni na “maglia e ‘ncarna”
a ‘Ntòniu, ppe quanni va ffatiga
alla vigna e du patrunu.
Nu suricìcchiu s’abbicina alli carbuna,
pur’illu senta ffriddu e ssi vo quadijèari
a gatta è mmenz’a via
ppe cchissi illu mo abballa!
Allu cannizzu c’è ssudu nu pèanu,
e d’ùrtima ‘mpurnèata,
c’è nna cipulla e nna ‘mposta e dardu
ppe stasira, po avastèari chissu,
dumèanu, “Diu ci penza”.
Taresina spuna lli fìarri
e ttizzunìa chilli carbuna
i cchiù rrussi, i mminta intr’a vrascera,
e lla porta alla càmmara e da notti,
pija llu pisciaturu sutta u dìattu
e llu fa mmìanzu e acqua,
eccussi un si senti lla puzza.
‘Ntoniu ammèascia llu fùacu
e mminta llu maschcu alla porta,
pija a Taresina ppe lla mèana
e veani a ssi curchèari,
a cchillu friddu dìattu
e chillu amèaru vìarnu,
dicìanni n’Avemmaria e nnu Patrinùastu,
a nna figurella e da Madonna.





Quel rigido inverno
 
Il fuoco brucia e scoppietta,
quest’anno l’inverno è veramente rigido,
il fumo annebbia quella stanza,
dagli spifferi entra la tramontana,
Teresina lavora ai ferri,
sta intrecciando una maglia interna
ad Antonio, per quando va lavora
nella vigna del padrone.
Un topolino si avvicina alla brace,
anche lui ha freddo e vuole riscaldarsi
il gatto è fuori
per questo adesso lui balla!
Sul “graticcio” c’è solo un pane,
dell’ultima infornata,
c’è una cipolla e un pezzo di lardo
per questa sera, può bastare questo,
domani, Dio ci penserà.
Teresina posa i ferri
e stuzzica la brace
i più rossi li mette nel braciere,
e lo porta nella stanza delle notti,
prende l’orinale da sotto il letto
e lo riempie d’acqua a metà,
così non si sente la puzza.
Antonio spegne il fuoco
e mette la mandata alla porta,
prende Teresina per mano
e vanno a dormire,
in quel freddo letto
di quel rigido inverno,
dicendo un’Ave Maria e un Padrenostro,
a un Santino con una Madonna.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto!