fbpx

Jennèaru

Il Vernacoliere di Angelo Canino
Jennèaru
 
Jennèaru, misu amèaru,
tiampu e focudèaru,
u spitu è ssempri russu,
untèatu è ssempri u mussu.
 
Jennèaru, misu tintu,
allu fùacu c’èamu spintu
nu tròccanu e ditìarnu;
è d’illu u rre e du vìarnu.
 
Jennèaru, misu bruttu,
u pùarcu mo è abbuttu,
s’accùtani i curtella,
si fa lla vìriga bella.
 
Jennèaru, misu stùartu,
riposa lla terra e d’ùartu,
si ‘nchièara llu ‘mpaglièatu,
si puta llu pergudèatu.
 
Jennèaru, misu spattu,
si spàntica llu gattu,
‘ntanèatu sta llu chèanu,
d’acìallu è ‘ncerca e pèanu.
 
Jennèaru, misu cupu,
è llu misu de lu dupu,
vispa sta lla ciarbella,
si vo ffèari vita bella.
 
Jennèaru, misu tristu,
ppe bodiri e Gesù Cristu
è ttìampu e friddu e nniva,
e dde mìaruda chi si civa.
 
Jennèaru, misu spèaru,
t’èam’e tènari chèaru,
ca si ti ffàcimu votèari,
trentunu jùarni amèari.
Gennaio
 
Gennaio, mese amaro,
tempo di caminetto,
lo spiedo è sempre rovente,
unto è sempre il muso.
 
Gennaio, mese nero,
al fuoco abbiamo messo
un tronco di alaterno;
è lui il re dell’inverno.
 
Gennaio, mese brutto,
il maiale ora è sazio,
si molano i coltelli,
si fa la verga bella.
 
Gennaio, mese contorto,
riposa il terreno dell’orto,
diventa chiaro il vino,
si pota il pergolato.
 
Gennaio, mese cattivo,
ha paura il gatto,
nella cuccia sta il cane,
l’uccello è in cerca di pane.
 
Gennaio, mese cupo,
è il mese del lupo,
allerta sta il capretto,
se vuol fare vita bella.
 
Gennaio, mese triste,
per volere di Gesù Cristo,
è tempo di freddo e neve,
e di merlo che si ciba.
 
Gennaio, mese contorto,
dobbiamo tenerti caro,
perché se ti molestiamo,
trentuno giorni amari.
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto!