fbpx

Processionaria del pino in Sila

Si ripresenta sui pini della Sila, come ormai ogni anno, la processionaria del pino   (Thaumetopoea pityocampa) che, insieme alla simile processionaria della quercia   (Thaumetopoea processionea)  è diventata uno dei maggiori problemi fito-sanitari tra i tanti che colpiscono i nostri boschi.

Quest’anno, complice l’inverno molto mite e l’assenza di temperature molto basse per lunghi periodi, l’infestazione si presenta molto più grave del solito; inoltre le temperature elevate della prima settimana di febbraio hanno provocato un precoce inizio dell’attività della processionaria con comparsa dei primi danni sulla chioma degli alberi.

I danni delle infestazioni di processionaria sono molteplici, sull’uomo e sugli animali  solo nel caso di contatto con i bruchi e/o i nidi, sui boschi sia di natura economica che ambientale; economici perché le piante defoliate subiscono una interruzione dell’accrescimento che si somma nei vari anni, ecologico-ambientale per la riduzione di copertura vegetale e dei molteplici effetti positivi della stessa, nonché per il degrado del paesaggio.

La legge nazionale prevede che i proprietari e/o i gestori dei boschi interessati provvedano alla lotta contro la processionaria, cosa molto difficile nel caso dei privati, se non in piccoli appezzamenti e giardini, ma molto grave è che neanche la Regione Calabria, in assoluto primo proprietario e gestore di boschi in regione, faccia alcun tipo di intervento in materia.

Eppure è proprio l’ente regionale di gestione dei boschi (Calabria Verde) che dovrebbe intervenire con diffusi trattamenti biologici di contenimento del parassita, previo monitoraggio ed individuazione dei boschi maggiormente colpiti, con effetto positivo anche sui boschi privati grazie alla riduzione delle infestazioni negli anni successivi.

È auspicabile che per il futuro si programmi, da parte dell’ente regione, una efficace campagna di lotta alle processionarie, per garantire un futuro ai nostri boschi, sia economico che ecologico-ambientale.

Flavio Sposato     

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto!