fbpx

Quanni u tìampu …

Il Vernacoliere di Angelo Canino
Quanni u tìampu …
 
Quanni u tìampu è zallarusu,
alli terri, nenti pu fèari,
si ci appella, ca c’è ‘mpusu
a nna rèasa e fùacu e stèari.
 
Iu allura nn’approfittu,
ppe ppijèari nu spizzicarìallu,
signu sudu e, cittu cittu
mi pripèaru lu morsìallu.
 
Intra u stipu, c’è stipèata
na sazizza misa all’ùagliu,
ccu nna bella suppressèata,
e nnu boccacciu e scarafùagli.
 
Allu fùacu a vamba ardìa,
intr’a fressura d’ùagliu vulla,
dappellà munnèati e via,
na patèata e nna cipulla.
 
Nu piattìallu ccu ppurpetti,
cummoglièati e di fusilli,
lle cuntèati, èrani setti,
destinati, povar’illi!
 
Quattr’adivi arriganèati,
accumpàgnani ssu mmitu,
nu piatt’e vrùaccudi ammullichèati,
e d’è appostu lu chiuritu.
 
Pu na pezza e pecurinu,
a tri mmisi è alla cannizza,
piju nu cincu ditri e vinu
ppe adoglièari i cannarozza.
 
Cchi mmangèata chi m’è fattu!
alla trippa, ll’èaiu ammutèata,
e mmo fazzu cumi u gattu
ca ci vò nna stennicchièata.
 
Avìa appena sparicchièatu,
e mmuglièrma fa rritùarnu,
ccu nna faccia e n’affamèatu:
“oji mugliè! mi ve’ ripùasu,
cchi ssi mangia a menzijùarnu”?!

Quando il tempo …
 
Quando il tempo è brutto,
nei terreni, niente puoi fare
vi si impantana, perché sono bagnati
a un angolo di camino devi stare.
 
Io allora ne approfitto
per fare colazione
sono solo, e piano piano
mi preparo lo spuntino.
 
Nella credenza è conservata
una salsiccia sott’olio,
con una bella soppressata
e un vasetto ci ciccioli.
 
Nel camino, la fiamma ardeva,
nella pentola l’olio friggeva,
subito pelate e via,
patate e una cipolla.
 
Un piatto con polpette,
coperte da fusilli,
le ho contate, erano sette,
destinate, poverette!
 
Un po’ di olive con origano,
accompagnano questo spuntino
un piatto di broccoli con la mollica,
ed è a posto lo sfizio.
 
Poi, una forma di pecorino,
da tre mesi stagionata,
prendo cinque litri di vino
per “oliare” il gargarozzo.
 
 
Che mangiata che mi sono fatto!
la pancia l’ho zittita,
ora faccio come il gatto,
qua ci vuole una dormita.
 
Avevo appena sparecchiato,
e mia moglie fa ritorno,
con la faccia di un affamato:
  “moglie mia! vado a riposare,
cosa si mangia a mezzogiorno”?!
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto!