fbpx

La fontana miracolosa di Pompio

Si udiva un gracidio di rane e il sole splendeva alto in cielo quando i coniugi Peppina e Carmine e du Cavuotu, dopo il giro fra le bancarelle del mercato del sabato, arrivarono all’antica fontana di Pompio per fare quello che usavano fare ogni settimana da quando erano in pensione: un piccolo picnic con il panino con la mortadella comprato da Cenzino e Sdegna e l’acqua buona della sorgente, prima di salire sull’autobus di Zanfini dell’una e un quarto che li avrebbe riportati a casa.

La donna, si era già chinata per bere un sorso d’acqua quando il marito la bloccò.

Ferma ferma, cà ci sta n’avvisu ca l’acqua nunn’è potabile.

La donna, incarnato giunchiglia come una Madonna, nasino all’insù e capelli raccolti in una treccia morbida, ebbe un sussulto, si asciugò dalla fronte le gocce d’acqua che la fontana le aveva spruzzato in viso e fece tre passi a destra verso il marito. Costui impeccabile nel suo competo fresco lana blu e cappello in testa, le additava, oltremodo preoccupato, l’avviso, cercando, miope come era, di leggere il testo della comunicazione, strizzando gli occhi più celesti del cielo.

Ohi Carminiè chissu è ncunu vavusu e guagliunu chi vo scherzari, l’acqua è sempi stata bona e mo a nna vota è guastata?! Sienti chi profumu e carna arrustùta…ieri sira cà hanu fattu a grigliatina e mò l’acqua è juta all’acitu? Ci sta lu timbru e du Comuni?

Sini e sutta ci sta puru nu scarabuocchiu pittirillu pittirillu chi pari na firma, nzomma nu gruoncidu cumi firmanu i miedici e l’avucati, ma io senza occhiali nun ci viju. Bollanotte? Bonanotte? Belle e notte? Madaditta vecchiaia… nun ci viju buonu.

-Ecco è nu scherzu, i guagliunu dopo a grigliata hanu lassatu su bigliettu per fissìare e hanu datu puri a bonanotte. Ah beneditta gioventù.

-Po’ essere ma mieglu nunni arrisicari…ni vivimu chilla buttigliella e vino e stamu traqnilli.  Peppinè ma tu a canusci a leggenda e da funtana?

Noni.

-Si cunta ca na vota Tanuzzu, u figliu e du sinnacu Bellavista nesciutu pazzu dopo ca a zita Ninetta s’era maritata cu lu chianchieru, stava jiennu a s’ammazzari alla Petra du Beatu Angiudu ma strada faciennu ha fermatu u motocarru alla curva e Pompio e ha vippitu alla funtana. Nu miracudu, nu miracudu rannu, s’ha scordatu a Ninetta e tutti i dispiaciri d’amuru cu facianu sbaniari juornu e notte senza pace. Ha giratu u motocarru e s’è misu a cantari Montagne verdi a squarciagola. Nzomma l’acqua e da funtana l’avìa sanatu.

La donna sorrise e passò il panino a Carmine, mentre un uccello prese a cantare sulle loro teste.

Aurora Luzzi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto!