fbpx

I Picitti

Il Vernacoliere di Angelo Canino
I Picitti
 
Na vota, si saglìa ppe cchill’irtu e di Picitti,
chilli chèasi chjin’e ranni, e dde giuvanelli,
e dde chilli porti escìa n’orduru e pisci fritti,
ccu centinèari e gatti intra chilli cavarelli.
 
A ssi Picitti na vota c’era chjinu e genti,
e sapissi cumi si vodìani beni tutti quanti!
S’aiutàvani, ppecchì tanni si vivìa dde stenti,
u cori cuntìantu, cunzudèava chillu affrantu.
 
Saglìanni e chilla scadunèata, c’era lla vita,
d’anzièani assettèati a cchilli scaduna,
cuntàvani fatti e ncuna morta o e ncuna zita,
fina c’u ccampijèava llu dustru e da duna.
 
Na vota, chilli chi stàvani a ssi Picitti,
avìani u zimmunu alli costi e Muccunu,
i pùarci crisciuti cumi figli e benaditti,
e a Natèadi c’era ffesta duve d’ ugnedunu.
 
I chèasi alli Picitti, èrani tutti arrocchèati,
assimiàvani u ritrattu e nu brèavu pitturu,
a cchilla vallèata e Muccunu quanti guardèati!
e cchi bellizza, quanni stèava ppe ffèari scuru.
 
Mi ricùardu a ddonna Ersidia ccu lla mistura,
a vinnìa, e sserbìa ppe smacchjèari i panni
i genti s’a jìani a d’accattèari a d’ugne d’ura,
chì ha paghèava a ssordi e cchì ccu ll’inganni.
 
Mi ricùardu chilla bella ghjìasia e Santa Ducìa
ccu cchillu viarìallu e genti chi jìa alla missa,
quanni cci pìanzu, s’abbedena ssu cori mia,
ca n’èatra vota chilli tìampi iu vodissa.
 
Nu jùarnu caminanni e lla m’accùargiu,
e da chjazzicella pittirilla vasèata e du sudu,
ammuccèata di chèasi, a fonta e San Giùargiu
tutti lla jìani, ccu lla ciarriglia e llu rizzudu.
 
Supa i vignèani ci su rrasti sudu ccu lla terra,
èani crisciutu u vasanicoda e llu petrusinu,
ppe lli nzadèati e chilli tìampi e guerra,
ppe cconzèari chilli mangiaricchji fini.
 
U cori è abbedenèatu vìdari a ssi Picitti,
ssi chèasi vecchji, quèasi tutti sciollèati,
e nnun c’è cchiù chill’orduru e pisci fritti,
e allura, puru i gatti ll’èani abbannunèati.
I “Picitti”
 
Tempo fa, se salivi per quell’erta dei Picitti,
quelle case piene di grandi e ragazzine,
dalle porte fuoriusciva un odore di pesce fritto
con centinaia di gatti in quei vicoli.
 
Ai Picitti un tempo c’era pieno di gente,
e sapessi come si volevano bene tutti!
Si aiutavano perché si viveva di stenti,
e il cuore allegro consolava quello affranto.
 
Salendo da quella scalinata, c’era la vita,
i vecchi seduti su quei gradini,
raccontavano di un morto o di una sposa,
fino a che non appariva la luce della luna.
 
Tempo fa, tutti quelli che abitavano ai Picitti,
avevano il porcile alle coste del Mucone,
i maiali cresciuti come figli e benedetti!
E a Natale era festa da tutti.
 
Le case ai Picitti erano tutte arroccate,
sembravano il quadro di un bravo pittore,
in quella valle del Mucone, quante vedute!
E che delizia, quando arrivava l’imbrunire.
 
Ricordo a donna Ersilia con la mistura,
la vendeva, serviva a smacchiare il bucato
la gente andava a comprarla a tutte le ore,
chi la pagava con i soldi e chi con l’inganno.
 
Ricordo quella bella chiesa di Santa Lucia,
con quel viavai di gente che andava a messa,
quando ci penso, si avvelena il cuore mio
e vorrei nuovamente quei tempi.
 
Un giorno passando da li mi accorgo,
della piazzetta piccolina, baciata dal sole,
nascosta dalle case, la fontana di San Giorgio
tutti li andavano, con la brocca e l’orciuolo.
 
Sui pianerottoli ci sono i vasi con il terriccio,
hanno allevato il basilico e il prezzemolo,
per le insalate in tempo di guerra,
per condire quelle ottime minestre.
 
Il cuore è avvelenato, vedere questi Picitti,
vedere queste case vecchie, quasi crollate,
e non c’è più quell’odore di pesce fritto,
e allora, anche i gatti li hanno abbandonati.








Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto!