fbpx

I ciciuderi

Il Vernacoliere di Angelo Canino
I ciciuderi
 
“Milli bongiorni cumma Taresina!”
“Bongiorni a ttia cumma Ntonetta mia!”
“Duvi va ‘mprima matina?”
“Ve camignu ppe ssa via!”
 
“Ll’ha saputu e du furisu?”
“no, ppecchi? cchi ll’è ppijèatu?”
“Si nn’è jjutu ‘mparavisu”
“Arrassi!! ma era mmadèatu?”
 
“Noni! ca vivìa dde prima matina”
“Allura si cci curpa ssudu,
ppe lla mori e da tinta cantina!
ma illu, era ttùastu cumi u mudu”.
 
E ll’ha saputu e Carminìallu?
“Unn’è saputu nenti, cch’è ssuccessu?”
“E? cadutu, stèava jjìanni allu Castìallu,
e ss’ha rruttu u pìadu, sempri u stessu”
 
“Mah! Si ll’avia gia ruttu n’èatra vota,
è propiu spurtunèatu Carminìallu;
ti ricùardi? era jutu alli Jungi e alla ricota,
è acciampichèatu allu cancìallu”.
 
“Oji Ntonettè, e ssapissi ncuna cosa,
e da figlia e Llisa e Cumporta?
dìcini ca ugne jjùarnu trova nna rosa,
allu scadunu e da porta”.
 
“E ba trova chin’è ssu cuntìantu?”
chi va ttrovanni e fèari u nidu!
si senta lli fatti e chillu parìantu,
si nn’i dicca llu pidu!”
 
“E’ misu a ccòciari nu pocu e surijèaca,
ca a Totonnu lli pijèaci dde moriri,
ugne bota si nn’i fa nna mangèata!
no ssudu i menzijùarni, puru i siri!
 
U fattu de, ca si puru damenta!
ca ha ncappèatu na mugliera spatta,
e jestimèari e da raggia, mèai s’abbenta,
e ll’èatra sira ha strafuchèatu a gatta.
 
Ohji!! mo chi cci pìanzu! sciuallu!!
ca m’è scordèatu a surijèaca alla pignèata
e mo chin’u senta? Oji mi pija ddu cùallu,
e mm’a fa ttènari a mmenti ssa jurnèata”.
Le pettegole
 
“Mille buongiorno comare Teresina!”
“Buongiorno a te comare Antonietta!”
“Dove vai di buon mattino?”
“Cammino per questa via!”
 
“L’hai saputo del pastore?”
“No, perché? cosa gli è preso?”
“Se n’è andato in paradiso”
“Oh mio Dio!! ma era malato?”
 
No! beveva dal primo mattino”
Allora, la colpa è solo sua,
per il vizio di andare alla cantina!
lui, era duro come il mulo”.
 
“e l’hai saputo di Carmelino?”
“Non ho saputo nulla, cosa è successo?”
E’ caduto, stava andando alla Torre,
e si è rotto il piede, sempre il solito”.
 
“Mah! Se lo aveva rotto già un’altra volta,
è proprio sfortunato Carmelino;
ti ricordi? Era andato a Jungi e al ritorno,
è inciampato al cancello”.
 
“Cara Antonietta, sai per caso qualcosa,
riguardo la figlia di Elisa Conforta?
dicono che ogni giorno trova una rosa,
al gradino sull’uscio di casa”.
 
“Chissà chi è questo fortunato?
che ha intenzione di fare “il nido”!
se ascolta i fatti di quel parente,
non lo fa un buon affare!”.
 
“Ho messo a cucinare un po’ di faggiola,
perché a Totonno gli piace da morire,
ogni volta se ne fa una mangiata!
Non solo a mezzogiorno, ma anche le sere!
 
Il fatto è, che si lamenta anche!
dice che ha trovato una moglie inadatta,
di bestemmiare per il nervoso, non smette mai
e l’altra sera ha strangolato il gatto.
 
Oh! mio Dio!!! ora che ci penso!!
Mi sono scordata della faggiola nella pignatta,
e ora chi lo sente? oggi mi prende per il collo,
e mi farà ricordare questo giorno”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto!