fbpx

La Destra illiberale è pericolosa

La Destra illiberale è pericolosa quanto la Sinistra cieca!

      Ancora una volta la Destra illiberale in Italia procura sull’intero corpo sociale guasti, ritardi e sventure con la sua ignoranza, rozzezza e populismo, con cui organizza sulle piazze crociate anche contro il vaccino, così come si faceva nel ‘600, contro la peste, dando la caccia ai presunti untori. Ma le sfilate dei no-vax di oggi, con alla testa i capi-popolo della Destra, non so perché, mi ricordano anche la ‘marcia su Roma’, finalizzata alla distruzione di quel poco di democrazia che assicurava lo Stato monarchico negli anni ‘20.

Anche nei nostri giorni, mentre i maggiori magnati del globo terràcqueo se ne vanno a spasso per turismo di alto bordo nello spazio stellare, affidando la loro vita alla tecnica più evoluta di razzi e navicelle interplanetari, migliaia di persone si trascinano o vengono trascinate nelle piazze a manifestare contro quel poco di ragione e di scienza, con cui l’uomo di tutti i tempi ha cercato e cerca di difendersi dalle malattie e dalle forze avverse della natura: è un po’ come se l’uomo rifiutasse la sua stessa ragione e quel poco di divino che essa rappresenta.

E’ uno spettacolo, questo, davvero deprimente, uno di quegli aspetti negativi, eppure umani, che mi fanno imbestialire e sentire il bisogno di ululare al vento, come altre volte ho ricordato nelle mie ‘stupide’ riflessioni.

E allora spasmodicamente mi chiedo: ma come è possibile che, di fronte ad oltre 130.000 vittime che il virus ha fatto solo da noi, ci siano ancora persone, e addirittura partiti politici, che cavalcano la stupida pretesa di rifiutare controlli e vaccinazione. A costoro non bisogna stancarsi di chiedere quale altra via ha l’umanità intera per difendersi dalle pestilenze,  che hanno colpito  interi popoli nei secoli passati, quando, cioè, l’uomo non utilizzava ancora appieno quel poco di divino, rappresentato, ripeto, dalla ragione che è in lui.

La verità è anche data dal fatto che stiamo assistendo da troppo tempo a mancanza di sufficiente chiarezza nella politica dei governi che si sono avvicendati, i quali, di fronte ad una situazione così grave e delicata, invece di informare l’opinione pubblica nei modi più appropriati, spesso forniscono contenuti del tutto ondivaghi e contraddittori di maghi e  fattucchieri di ogni risma: una mistura pericolosa e deleteria che ha contribuito enormemente ad intossicare in profondità una parte consistente dell’opinione pubblica.

Ma quello che fa più paura è vedere, in quelle medesime piazze della irrazionalità, anche uomini ‘cosiddetti di scienza’, come docenti, medici e quant’altro si voglia, appartenenti anche alla ‘Sinistra della miseria’, che gridano : ‘no vax’ e ‘no green pass’, invocando così un ritorno all’indietro, ai tempi in cui un semplice dente cariato faceva impazzire.

E non capisco nemmeno prese di posizione da parte di ‘pensatori’ come Massimo Cacciari e l’amico Marco Travaglio che, cavalcando in parte l’onda lunga della medesima miserabile protesta di piazza, tuonano contro l’obbligatorietà del green pass e della vaccinazione, appoggiandosi alle varie dichiarazioni di virologi come Fauci quando affermano che la contagiosità non viene meno anche fra i soggetti vaccinati. Questi stessi amici però dimenticano di dire che, a prescindere dalla contagiosità, chi non si vaccina rischia cento volte di più la morte e che, attualmente, oltre al vaccino non abbiamo altro rimedio contro la pandemia, se non pannicelli caldi e pratiche magiche.

Il buon ‘accademico di nulla accademia’, Antimo Negri, che Cacciari ha avuto come ‘maestro’ insieme a me,(ma io con infinita modestia), che cosa avrebbe detto del ‘Regime logico-gnoseologico’ da cui è governato il suo  vecchio discepolo? Certamente avrebbe dissentito in nome della razionalità e del buon senso!  

A tutta questa mia perplessità si potrebbe obiettare che, ogni uomo,(quindi anche i filosofi) non è tutto ragione ma anche bestialità; e anche questo è sacrosanta verità, ma allora diciamo chiaramente che la storia non insegna proprio niente e che ogni volta bisogna ricominciare punto e daccapo. Ma forse è la solita storia di chi, in nome dell’ideologia accecante, rifiuta anche l’evidenza scientifica, anche quando tutto questo comporta la morte, così come, finalmente, ha affermato, senza mezzi termini, anche il capo del Governo Mario Draghi, che in questo caso condivido pienamente nella forma e nel contenuto.

   

Vincenzo Rizzuto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto!