fbpx

U canadìcchiu e da speranza

Il Vernacoliere di Angelo Canino
U canadìcchiu e da speranza
 
A nna rèasa e vallunu e da “Crista”,
curra nu canadìcchiu in bella vista,
chissu è llu canadìcchiu e da speranza,
ca puru d’acqua sta ppatìanni carenza.
 
Ss’acqua esci dde na petra affurtunèata,
e mèani santi è stèata ‘ncatusèata,
e mmo e ssu vùaschcu è lla regina,
e ddissidda, ‘ncignanni e da matina.
 
U jùarnu è nnu viarìallu e tutti d’uri,
d’astèati, allu profumu e chilli juri,
u vìarnu, ammuccèatu e di pàmpini caduti,
càccia lla sidda, a ttutti chilli juti.
 
Chill’acqua frisca dissidda ugne ppersuna,
dissidda l’acelluzzi e lli cursuna,
e ccurra notti e jjuarnu, senza si fermèari,
ss’acqua e da speranza, u ppo ammanchèari.
 
Rallegra lla ciarriglia e llu rizzudu,
a crapuzza, u chèanu e ppuru u mudu,
passanni e llà, s’a fèani na sponzèata!
e ss’acqua e da speranza, affurtunèata.
 
A sira, pocu prima e da ‘mmrunèata,
c’è cchillu chi cci va ppe nna mangèata,
s’assèttani vicinu ss’acqua frisca,
e ppàrrani e ‘Ntonetta e dde Francisca;
 
e d’illu, canadìcchiu e da speranza, senti,
puru ca fa strùsciu, senta e ttena a mmenti,
tutti chilli fatti e da genti cuntèati,
fatti e schchetti e ffatti e maritèati.
 
Pu, quanni u sudu fa ppostu alla duna,
rimèana ssudu, senza nulla persuna,
ma illu curra lli stessi, senza si fermèari,
dumèanu n’èatra vota a sidda e dde caccèari.
 
 
 
La fontanella della speranza
 
A un angolo in una valle della “Crista”
sgorga una fontanella in bella vista,
questa è la fontanella della speranza,
perché anche l’acqua sta subendo carenza.
 
Quest’acqua esce da una pietra fortunata,
da mani sante è stata incanalata,
e adesso di questo bosco, è la regina,
e disseta, iniziando dalla mattina.
 
Di giorno è un viavai a qualsiasi ora,
in estate, al profumo di quei fiori,
in inverno, nascosta dalle foglie cadute,
toglie la sete, a tutti quelli che li sono andati.
 
Quell’acqua fresca disseta ogni persona,
disseta gli uccellini e i serpenti,
e sgorga notte e giorno, senza mai fermarsi,
quest’acqua della speranza, non può finire.
 
Rallegra la cerriglia e il rizzuolo,
la capretta, il cane e anche il mulo,
passando da li, se la fanno una bevuta!
Di quest’acqua della speranza, fortunata.
 
La sera poco prima del tramonto,
c’è chi ci va per un picnic,
si siedono vicino a quest’acqua fresca
e parlano di Antonietta e di Francesca;
 
e lei, fontanella della speranza, ode,
anche se fa rumore, ode e tiene a mente,
tutti quei fatti dalla gente raccontati,
fatti di signorine e fatti di maritate.
 
Poi, quando il sole fa posto alla luna,
rimane sola, senza nessuna persona,
ma lei sgorga lo stesso, senza fermarsi,
domani deve togliere la sete nuovamente . 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto!