fbpx

A gatta pressaruda

Il Vernacoliere di Angelo Canino
A gatta pressaruda
 
Zà Cuncetta e da “Pertina”,
na misciulla avìa abbuschchèatu
e ssi nni jia ugne mmatina,
ppe lla via e du “Cararmèatu”.
 
Era gatta e razza bona,
supa a schchina pintijèata,
un c’è cosa c’u lli sona,
pressaruda ll’ha cchiamèata.
 
Tutt’u jùarnu jia zumpanni,
mèai ferma tu a vidìa,
si mangèava, acquanni acquanni,
n’abbendèata si facìa.
 
Pu è ccrisciuta, è ffatta zita,
ccu nnu nìvuru e du “Sùarbu”,
doppi misi è pparturita
mpressa mpressa cumi u cùarbu.
 
Zà Cuncetta va ccampìa,
doppi quinnici jurnèati,
tinta, corba chi ti vija!!
i gattarìalli su cechèati!.
 
Chì fa mpressa e ttantu suda,
lli serbissa ppe ccunzigli,
ca la gatta pressaruda,
cechèati ha ffattu i figli.
La gatta frettolosa
 
Zia Concetta della “Pertina”,
un gattino aveva ricevuto,
e se ne andava ogni mattina,
per la via del “Cararmato”.
 
Era gatta di razza buona,
sulla schiena striata,
non c’è nulla che non gli piace,
frettolosa l’ha chiamata.
 
Tutto il giorno andava saltando,
mai ferma tu la vedevi,
se mangiava, a malapena,
un riposino lo faceva.
 
Poi è cresciuta, si è innamorata,
con un nero del “Sorbo”,
dopo mesi è partorita
in fretta come il corvo.
 
Zia Concetta va a vedere,
dopo quindici giornate,
brutta stronza che tu sia!!
i gattini sono ciechi!.
 
Chi fa in fretta e tanto suda,
gli servisse da lezione,
perché la gatta frettolosa,
ciechi ha fatto i figli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto!