fbpx

Puru ppe stanni tìagnini u pèanu

Il Vernacoliere di Angelo Canino
Puru ppe stanni tìagnini u pèanu
 
Porta llu ciucciu a sarma ppe cchill’irtu,
ccu ddua tùmini e rèanu, e da mpèara e Mirtu,
vàscia lla chèapa e mmina a jjiri avanti,
cùazzi e jjumèari e passèari, suni tanti.
 
Ppe lla capizza, u tena llu massèaru,
oji pija lla muntagna, allu postu e du mèaru,
ccu nnu vettuzzu arrassa lli spini e nterra
alli cchiù rrossi, forti lli mina e lli sterra.
 
Sàglia chill’irtu u ciucciu raglianni,
sàglia chill’irtu u massèaru fischcanni,
sàglini assìami versu a muntagna,
pàssani terri adacquatizzi e ssiccagni.
 
Ugnettanti u massèaru a cchillu suduru,
chièanu cci passa llu muccaturu,
ugnettanti u ciucciu mova lla cuda,
a musca si spagna e ssi nni vuda.
 
Alla mmrunèata, a muntagna ho ssagliutu,
alla chèasa ho pportèatu u rèanu metutu,
allu mudinu cci vèani dumèanu,
e ppuru ppe stanni tìagnini u pèanu.
Anche per quest’anno hanno il pane
 
Porta l’asino la soma per quell’erta,
con due tomoli di grano dalla piana di Mirto,
a testa bassa tira ad andare avanti,
colline e fiumare da passare, sono tante.
 
Per la cavezza lo tiene il contadino,
oggi va in montagna al posto del mare,
con un vetusto sposta le spine dal terreno
alle grosse tira con veemenza e le distrugge.
 
Sale per quell’erta l’asino ragliando,
sale per quell’erta il contadino fischiando,
salgono assieme verso la cima,
passando per terreni fertili e aridi.
 
Ogni tanto il contadino a quel sudore,
leggero vi passa il fazzoletto,
ogni tanto l’asino muove la coda,
la mosca si spaventa e se ne vola.
 
Al tramonto la montagna hanno raggiunto,
a casa hanno portato il grano mietuto,
al mulino ci vanno domani,
e anche per quest’anno, avranno il pane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto!