fbpx

U jettabannu

Il Vernacoliere di Angelo Canino
U jettabannu
 
A matina versi l’otti era prontu a jiri,
a trummetta alla vucca pronta ppe sonèari
i prìazzi e di pisci e dda frutta avìa dde diri
a genti e du pajisi avìa dde fèari abbucèari.
 
Era n’anzianìcchju pittirillu e ccuriùsu,
ccu nnu mantu e alla chèapa nu cappìallu
girèava ppe cchilli viji e du pajisi
ccu llu tìampu bruttu e ccu llu tìampu bìallu.
 
Tuuuuuu…tuuuuuuu…
 
“Alla chjàzza i pumadori a cinquanta diriiii”!,
a cìantu diri i sardi vivi alla pescheria,
a trhenta diri dumincèani, fichi e ppiriiii!
a duacìantu u baccadà taglièatu a tria”.
 
Quanni u sentìa, m’affaccèava dda finestrha
e ntrhegudèava s’u prìazzu commenìa
“oji m’accattu a vajanella ppe nna minèstrha”
dicìa tuttu cuntìantu ìntra e mia.
 
I guagliuni quanni u vidìani passèari,
s’ajjuncìani e lli stàvani e arrìadi
ccu nna trummettèata i facìa spamentèari
na risa sutta u baffu e nna vattùta e pìadi.
 
Mo ss’usanza è ppersa, a trumma è ripunuta,
e da televisiona e ddi giornèadi simu abbisèati
ca u progressu c’avanza è cosa risaputa
e ssu ssudu ricùardi tutti chilli trummettèati.

 
Il banditore
 
La mattina verso le otto era pronto ad andare,
la trombetta in bocca pronta a suonare
i prezzi dei pesci e della frutta doveva dire
la gente del paese doveva fare il passaparola.
 
Era un anzianotto piccolino e curioso,
con il mantello e sulla testa il cappello
girava lungo le vie del paese
con il tempo brutto e con il tempo bello.
 
Tuuuuuu…tuuuuuuu…
 
“In piazza i pomodori a cinquanta lireeee”!
a cento lire le sarde vive alla pescheria,
a trenta lire melanzane, fichi e pereeee!
a duecento il baccalà tagliato a pezzi”.
 
Quando lo sentivo, m’affacciavo alla finestra,
e udivo se il prezzo era conveniente
“oggi mi compro la faggiola per la minestra”
dicevo tutto contento tra me e me.
 
I ragazzi quando lo vedevano passare,
si riunivano e gli andavano dietro
con una trombettata li faceva spaventare
una risata sotto il baffo e una battuta di piedi.
 
Ora questa usanza è persa, la tromba è riposta,
dalla tele e dai giornali veniamo informati;
il progresso che avanza è cosa risaputa
e sono solo ricordo tutte quelle trombettate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto!