fbpx

A notti e Natèadu

Il Vernacoliere di Angelo Canino
A notti e Natèadu
 
Era ‘nchiusu u tìampu, cupu
era ppropiu tìamp’e dupu
ppe cchilla via
nenti si vidìa
u vìant’e tramuntèana
potìa lla maglia e dèana
a niva a ffasciaturu
allucìa llu scuru
u mantu sup’i spalli
i pìadi calli calli
nu vettu a ss’appoggèari
chill’irtu ch’era spèaru
caminanni caminèava
chjeanu i passi dèava
‘nzuppèatu avìa llu mantu,
e niva era ppisantu
ma illu nenti
nu vettu a ss’appoggèari
tiranni a ccaminèari.
Apprìassi a d’Illu, Illa
alla frunta na stilla
aggranchèata avìa nna mèana
a potìa lla tramuntèana
allu mantu a ss’appoggèari
tiranni a ccaminèari
u cìadu sempri cupu
era ppropiu tìamp’e dupu
nenti si vidìa
ppe cchilla via.
Caminèari, caminèari
nu riggiattu ean’e trovèari
nullu aprìa lla porta
intra ssa notti storta
ne cconti e nne ffurisi
“pietà! È dde novi misi!”
ma cumi ppe d’incantu
arrassèat’e d’ùacchji u mantu
pocu cchiu ssutta
na ducicchia,era nna grutta
accùati e paglia e ffìani
ppe lla mèana si tenìani
e ttutt’a nnu mumenti
u cìadu, intra nu nenti
s’è acquetèatu
e nn’Angiudu e lla ssupra
“è nnèatu! è nnèatu!”
a llu caduru
dunèatu ccu d’amuru
e nu vitìallu
‘nsìami a nn’asinìallu
e ssu Bomminu
neatu ppe destinu
venutu a cchissa terra
ppe lla pèacia e nno lla guerra
ppe llu vìarnu, ppe ll’astèata
ppe ssa terra madèata.





































































































La notte di Natale

Era chiuso il cielo, cupo
era proprio tempo di lupi
per quella via
niente si vedeva
il vento di tramontana
penetrava la maglia di lana
la neve a fiocchi
illuminava il buio
il mantello sulle spalle
i piedi pieni di calli
un vetusto per appoggiarsi
quell’erta era impervia
camminando camminava
lenti i passi dava
inzuppato era il mantello
di neve, era pesante
ma Lui niente
un vetusto per appoggiarsi
proseguendo a camminare
dietro di Lui, Lei
sulla fronte una stella
infreddolita aveva una mano
la raffreddava la tramontana
al mantello si appoggiava
proseguendo a camminare
il cielo sempre cupo
era proprio tempo di lupi
niente si vedeva
per quella via
camminare, camminare
un rifugio devono trovare
nessuno apriva la porta
in questa notte triste
ne conti e ne pastori
“pietà! È di nove mesi!”
ma come per incanto
tolto dagli occhi il mantello
poco più sotto
una lucina, era una grotta
accolti da paglia e fieno
per mano si tenevano
e tutt’a un tratto
il cielo in un baleno
si è rasserenato
e un Angelo da lassù “è nato!, è nato!”
al calore
donato con amore
da un vitello
assieme ad un asinell
e questo Bambino, nato per destino
venuto su questa terra
per la pace e non la guerra
per l’inverno, per l’estat
per questa terra malata.







































































































Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto!