fbpx

Ugne ttanti pìanzu

Bata - Via Roma - Acri
Il Vernacoliere di Angelo Canino
Ugne ttanti pìanzu
 
Ugnettanti pìanzu ccu ssa menti mia,
allu tìampu cancèatu intra nu nenti
a ccumi s’è arradichèatu u fetenti
u “nzinaguerra” u madavita e lla madatìa.
 
Era tìampu bìallu, tìampu e aria pudita,
u progressu un s’era ancora arradichèatu
u munnu unn’era ancora cancèatu
unn’era cum’e mmò sutta tiru a vita.
 
Tanni ssu pajisi, era chjìnu cumi n’ùavu,
i famigli èrani tutti ccu quattrhu o cincu figli
tanti pèatri èrani partuti duntèanu milli mìgli
ppe ss’abbuschchèari nu futuru nùavu.
 
Ppe lli viji i genti caminàvani a ffrotti,
chini jìa a ssi vèstari, chini a ffèari a spisa
scontàvani l’amicu, nu sadutu ccu nna risa
parrànni e vinu e dde minestrhi cotti.
 
Ppe sapiri cchi ura era, caminànni ppe lla via,
stàvani ccu lli ricchji a ntrhegudèari
si sentìani Sannuminicu o Padìa sonèari
o azàvani a chèapa s’u riroggiu si vidìa.
 
A chjàzza e di frutti era sempri na fera,
pumadori, rèapi, patèati, faggioda siccagna
era rrobba frisca portèata e da campagna
prìazzu e onestà, era ppetrha e cantunera.
 
A festa, alli ghjìasiji sonèava lla campèana,
allegri si priparavani tutti i vicinèati
e jìani a ssi sèntari a missa, tutti ntodettèati
ccu lli tiscagnìalli portèati ppe lla mèana.
 
Jocàvani allegri, cuntìanti e spenzierèati,
a ugne dàrigu e di viji, chilli guagliuni
alli strhasci, allu stirillu o allu palluni
e lli vicini alli ccazzijèari ppe lli gridèati.
 
All’ura e menzijùarnu si ti trovèavi passanni,
sentìa n’orduru e fusilli e ccarna e crèapa
e patèati fritti e sazizza e vrùaccudi e rèapa
e tti sazièavi u stomacu sudu caminanni.
 
Mo ssu pajisi mia è nnu pajisi ammodernèatu,
mma a genti si ti sconta un ti mancu saduta
chilla vita bella e na vota si ll’ha scordèata
u progressu e mìagliu a ppìaiu ll’ha ccancèatu.
Ogni tanto penso
 
Ogni tanto penso con questa mente mia,
al tempo cambiato in un attimo
a come si è radicato il fetente
l’innesca guerre, il malavitoso e la malattia.
 
Era tempo bello, tempo di aria pulita,
il progresso non si era ancora radicato
il mondo non era ancora cambiato
non era come adesso sotto tiro, la vita.
 
Allora questo paese era pieno come un uovo,
le famiglie tutte con quattro o cinque figli
tanti padri erano partiti lontano mille miglia
per guadagnarsi un futuro nuovo.
 
Per le vie le persone camminavano in massa,
chi andava a vestirsi, chi a fare la spesa
incontravano l’amico, un saluto e una risata
parlando di vino e di minestre cotte.
 
Per sapere che ora era, camminando per la via
stavano con le orecchie a udire
se sentivano San Domenico o Padia suonare
o alzavano la testa se l’orologio si vedeva.
 
La piazza dei frutti era sempre un vociare,
pomodori, rape, patate, faggiola secca
era roba fresca portata dalla campagna
prezzo e onestà, era pietra angolare.
 
La domenica nelle chiese suonava la campana
festosi si preparavano tutti i vicinati
e andavano a messa, tutti con abiti eleganti
con i bambini portati per mano.
 
Giocavano allegri, felici e spensierati,
a ogni spiazzo di strada, quei ragazzi
agli “strasci”, allo “stirillo” o a pallone
e i vicini che li sgridavano per le urla.
 
All’ora di pranzo se ti trovavi a passare,
sentivi un profumo di fusilli e carne di capra
di patate fritte, salsiccia e broccoli di rapa
e ti saziavi lo stomaco solo camminando.
 
Ora questo paese mio e un paese moderno,
ma la gente se ti incontra manco ti saluta
quella vita bella di un tempo se l’è scordata
il progresso da meglio a peggio l’ha cambiato.
Bata - Via Roma - Acri

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: Contenuto protetto!