fbpx

Quann’era nnu squatrigliu

Bata - Via Roma - Acri
Il Vernacoliere di Angelo Canino
Quann’era nnu squatrigliu
 
Mi ricùardu a cchilla strèata e Santudinardu,
quann’era nnu guagliunu e primu pidu,
jia doppimenzijùarnu e stèava fina a ttardu,
arrobbanni mo nu cerèasu, e mmo nu midu.
 
 Èramu na compagnìa e squatrigli,
ppe cchilla strèata arrivàvamu a Muccunu,
secutanni ppe lla via, gallini e ccunigli,
gammi all’aria, si sinn’accorgìa llu patrunu.
 
A cchilli tìampi, èramu cùacci e gadera,
tanni era cchillu u divertimentu,
chilli viji viji, sempri a ffèari fera,
e lli cchiù tristi, finiscìani a llu cummentu.
 
Vicinu Muccunu, mi cci ricùardu na casella,
duvi cci ‘nchiudìani i chèani ‘ncacchièati,
nua, campijàvamu e chilla cancella,
cchi ppena a ssèntari chilli tristi agguaièati.
 
I ttenìani lla ppe nnu pèari e misi,
tanti mazzèati e ppocu mangèari,
e ssi i patruni, u ppagàvani i spisi,
chilla schcuppetta era ppronta a sparèari.
 
Intra d’adivi e da prèajia e Muccunu,
jìamu a d’acìalli, armanni tagliodi,
scrivìamu appena numu e ccugnumu,
èramu tanni, tutti ciucci a lli scodi.
 
Ma era bìallu chillu tìampu e na vota,
era ssanizzu e nno abbedenèatu,
preghèamu u Signuru c’arrivassa nna sbota,
ca cum’è mmò, vo ppropiu cancèatu.
Quand’ero ragazzo
 
Ricordo in quella via di “Santodinardo”,
quand’ero un piccolo ragazzetto
andavo al pomeriggio e vi stavo fino a tardi,
rubando ora ciliegie, ora delle mele.
 
Eravamo una combriccola di ragazzacci,
per quella via andavamo a Mucone,
rincorrendo per la via galline e conigli,
scappando se sene accorgeva il padrone.
 
A quel tempo eravamo sbrigliati,
allora era quello il divertimento,
per quelle vie, sempre a far casino,
e i più cocciuti, finivano in convento.
 
Vicino Mucone, mi ci ricordo una casella,
dove vi rinchiudevano i cani accalappiati,
noi spiavamo dalla finestra,
che pena sentire quel triste abbaiare.
 
Li tenevano li, per un paio di mesi,
tante bastonate e poco cibo,
e se i padroni non pagavano le spese,
quel fucile era pronto a sparare.
 
Negli uliveti della piana di Mucone,
andavamo a uccelli, armando le trappole,
scrivevamo appena nome e cognome,
eravamo allora, tutti asini a scuola.
 
Ma era bello quel tempo di allora,
era salutare e non avvelenato,
preghiamo il Signore che arrivasse una svolta,
perché com’è adesso, va proprio cambiato.
Bata - Via Roma - Acri

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: Contenuto protetto!