fbpx

A cavarella e da “Viaranna”

Bata - Via Roma - Acri
Il Vernacoliere di Angelo Canino
A cavarella e da “Viaranna”
 
Sissant’anni e chillu tìampu su ppassèati,
assimia ìari tanti c’u tìampu scurra
ma chill’anni intra a menti su stipèati
intra ssa chèava a genti stèava a mmurra.
 
D’èatrha vota cci signu jutu a ccampijèari,
oji! Cumi ll’è vista cchi pena chi m’ha ffattu!
a nnu muru m’e vutu e appoggèari
un c’era cchiù nnullu, sudu ncunu gattu.
 
I muri e chilli chèasi tutti stonachèati,
i porti e lli finestrhi scurcèati e chjini e gagli
i barcuni senza rasti e da ruzza mangèati
e ttutti i ceramida diventèati scagli.
 
Era assettèatu allu scadunu e da chèasa mmia,
e alla menti s’è apìartu nu quèatru
m’è benutu mmenti chillu chi tanni si facìa
quanni tra vicini s’aiutàvani unu ccu ll’èatru.
 
C’era chjinu e vita, e musica e dde canti,
c’èramu guagliuni chi facìamu cìantu jochèati
c’èrani genti anzièani chi pregàvani Santi
c’èrani giuvanelli ccu denzuda ricamèati.,
 
I fatti chi cuntàvani assettèati alli scaduna,
i fìmmini ranni, e di figli ch’èrani partuti
ppe tterri duntèani juti ncèrca e furtuna
e cchilli spurtunèati c’un su cchiù benuti.
 
E chilli menzaporti si sentìani i profumi,
e chilli cucinèati fatti alla pignèata
a sira era nu presèpiu ccu lla duci e di dumi
aggranchèati èrani i carni alla curchèata.
 
Mo tuttu è ppassèatu e un c’è rimastu nenti,
intra ssa cavarella sperduta e da “Viaranna”
ma ssi ricùardi m’i ttìagnu sempri mmenti
ppe lli cuntèari alli figli si Diu mi nni manna.
Il vicolo della “Viaranna”
 
Sessant’anni da quei tempi sono passati,
sembra ieri, per come il tempo corre
ma quegli anni nella mente sono conservati
in questo vicolo la gente stava in massa.
 
L’altra volta sono andato a visitarci,
oh! Appena arrivato che pena che mi ha fatto
a un muro mi sono dovuto poggiare
non c’era più nessuno, solo qualche gatto.
 
I muri di quelle case tutti stonacati,
le porte e le finestre scorticate e con spifferi
i balconi senza vasi e dalla ruggine consumati
e tutte le tegole diventate calcinacci.
 
Ero seduto al gradino di casa mia,
e nella mente si è aperto un quadro
mi sono ricordato quello che allora si faceva
quando tra vicini si aiutavano l’uno con l’altro
 
C’era pieno di vita, di musica e di canti,
c’eravamo ragazzi che facevamo cento giochi
c’era gente anziana che pregava Santi
c’erano ragazze con lenzuola ricamati.
 
I fatti che raccontavano sedute sui gradini,
le donne anziane, dei figli che erano partiti
per terre lontane andati in cerca di fortuna
e quelli sfortunati che non sono più tornati.
 
Da quelle “mezzeporte” si sentivano i profumi
di quei cucinati cotti alla pignatta
la sera era un presepe con la luce dei lumi
infreddolite erano le carni quando si dormiva.
 
Ora tutto è passato e non c’è rimasto niente,
in questo vicolo sperduto della “Viaranna”
ma questi ricordi li terrò sempre in mente
per raccontarli ai figli se Dio me ne manderà.
Bata - Via Roma - Acri

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: Contenuto protetto!