Toniu Raggiu

Bata - Via Roma - Acri
Il Vernacoliere di Angelo Canino
Toniu Raggiu
 
A dicembri, na matina e du diciotti,
divisa, fucidu e baionetta,
Toniu Raggiu, prima e jiri alla guerra
S’ha ffattu a cruci e ha vasèatu ‘nterra.
 
Allu pèatru e alla mamma nu sadutu,
alla mugliera lli pruminta ssu vutu:
“mugliera mia, u ddassèari meai i risi,
ti prumintu ca ti scrivu tutti i misi”.
 
E, attramenti chi si nni jia
a mugliera, ccu nna dàcrima chi scinnìa,
“ti criju maritu mia cchi mmi pruminti”
… a jennèari, era llu vinti.
 
Menzijùarnu è appena passèatu,
u postinu, alla porta mia ha bussèatu;
frevèaru, curtu curtu, u vintitria,
na dìttara s’è ffermèata duve mmia.
 
A mmarzu, a prima quinnicina,
na dìttara ccu nna cartodina;
apridu, era quèasi passèatu,
ma u vintotti u scrittu è arrivèatu.
 
A mmèaiu, u nn’è arrivèatu nenti,
e ‘ncignu a scadijèari ccu lla menti;
a lugliu, a stessa cosa,
ppecchi u scrittu duve mmia no cchiu si posa?
 
Vena agustu, vena e ppassa,
ma a ssa chèasa scrittu u ddassa;
a settembri, a cheapa m’è sbotèata,
‘ncun’èatra figlia e mamma sera stèata?
 
Vena ottobri,a prima, u deci, u trentunu,
nenti, “mma mo, me dde aiutèari ,ncunu”
novembri, u misu e chì un c’è cchiù,
signu tristi, ppecchì manchi puru tu.
 
A dicembri, bùssani alla porta,
a gioia e du miu cori un si cumporta,
ca forsi u scrittu n’èatra vota m’è arrivèatu,
vèaiu apru a porta e c’era nu surdèatu.
 
“Buongiorno, è la moglie di Tonio Raggio”?
“si, sign’iu”
“coraggio”
“suo marito è morto il nove maggio”.
Tonio Raggio
 
A dicembre, una mattina del diciotto,
divisa, fucile e baionetta,
Tonio Raggio, prima di andare in guerra
si è fatta la croce e ha baciato per terra.
 
Al padre e alla madre un saluto,
alla moglie gli promette un voto:
“moglie mia, non perdere mai il sorriso,
ti prometto che ti scrivo tutti i mesi”.
 
E, mentre se ne andava,
la moglie, con una lacrima che gli scendeva,
“ti credo marito, mio quel che mi prometti”
… a gennaio, era il venti.
 
Mezzogiorno è appena passato,
il postino, alla mia porta ha bussato;
febbraio, corto corto, il ventitré,
una lettera si è fermata da me.
 
A marzo, la prima quindicina,
una lettera con una cartolina;
aprile, era quasi passato,
ma il ventotto lo scritto è arrivato.
 
A maggio, non è arrivato niente,
e inizio a pensare con la mente;
a luglio, la stessa cosa,
perché lo scritto da me non più si posa?
 
Viene agosto, viene e passa,
ma a questa casa scritto non lascia;
a settembre, la testa mia è confusa,
qualche altra figlia di mamma sarà stata?
 
Viene ottobre, l’uno, il dieci, il trentuno,
niente, “ma adesso, mi deve aiutare qualcuno”
novembre, il mese di chi non c’è più,
sono triste, perché non ci sei neanche tu.
 
A dicembre, bussano alla porta,
la gioia del mio cuore non si contiene,
forse lo scritto di nuovo è arrivato,
vado ad aprire la porta e c’era un soldato.
 
“Buongiorno, è la moglie di Tonio Raggio”?
“si, sono io”
“coraggio”
“suo marito è morto il nove maggio”.
Bata - Via Roma - Acri

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Contenuto protetto!