fbpx

Accordo tra centrosinistra e centro-destra. C’è chi dice no.

Bata - Via Roma - Acri

I febbrili contatti dei giorni scorsi tra le delegazioni del centrosinistra d a una parte e di Forza Italia e Fratelli d’Italia dall’altra, in vista di una possibile intesa elettorale, sembra siano approdati a un punto morto.

Le trattative si sarebbero arenate sulla richiesta delle forze di centro-destra di correre senza i simboli ufficiali dei partiti.

Ieri abbiamo pubblicato la notizia e a stretto giro di posta il sindaco Pino Capalbo si è affrettato a postare la coalizione di sette liste che appoggeranno la sua corsa alla rielezione, e questo significa evidentemente che è saltato il banco.

Cosa succederà ora nel centro-destra? Di sicuro c’è una diversa sensibilità sulle soluzioni da intraprendere tra Forza Italia e Fratelli d’Italia. I forzisti manterranno la barra ferma sulla candidatura di Anna Vigliaturo, ma c’è da capire se potranno ancora contare sul partito della Meloni, che in queste ore sta facendo le sue valutazioni.

Capalbo ieri ha messo una pietra tombale sulla prospettiva di un accordo che qualche perplessità aveva incominciato a suscitare. Di sicuro non sono mancate le pressioni.

In un quadro in cui c’è una certa fluidità tra forze e schieramenti in campo, esiste un’area politicamente identitaria. In molti casi si erigono degli steccati per questioni che nulla hanno a che spartire con la politica e con il supremo bene della comunità acrese, ma sono dettati unicamente da acredine personale e da un passato che non passa.

Per costoro i motivi di un no a prescindere sono dettati da calcoli di pura convenienza personale. Per carità, c’è anche chi si oppone perché alla propria collocazione politica ci crede per davvero, ma non sono costoro ad aver contribuito a soffocare nella culla il progetto.

Personalmente sono convinto che sul piano elettorale un simile accordo avrebbe danneggiato più il centrosinistra. Calcoli alla mano, avendo già pronte sette liste e un progetto di continuità amministrativa, perché impelagarsi in un accordo che di sicuro avrebbe eroso significativi consensi, soprattutto sull’ala sinistra della coalizione?

Piero Cirino

Bata - Via Roma - Acri

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: Contenuto protetto!