fbpx

Da sabato al Maca la mostra “Oltre l’intimità”, di Martin Knut

Bata - Via Roma - Acri

Sabato 21 maggio, alle ore 18:00, al Maca verrà inaugurata la mostra personale “Oltre l’intimità”, di Martin Knut.

La mostra personale dell’artista slovacco Martin Knut, “Oltre l’intimità”, fa parte del programma di scambio artistico-culturale del Maca_Museo Arte Contemporanea Acri, che ospita l’esposizione, con musei stranieri. Nello specifico, la mostra di Knut al Maca e la mostra di Garbellotto al Museo di LiptovskýMikuláš in Slovacchia sono state selezionate in comunione tra i due Musei per dare vita al connubio culturale.Compongono la mostra dipinti recenti, di medie e grandi dimensioni, che esemplificano l’attività di Knut anche traendo risultati attuali conseguiti da un lungo lavoro di ricerca, sempre nella coerenza di pensiero. Questo, che l’artista non ha mai voluto legare a definizioni di correnti o avanguardie artistiche, rispecchia una ricerca intimistica che esprime con studiata semplicità, in contrasto con la complessità interiore, fino al limite del minimalismo. Su sfondi terrosi, spesso scuri, preferibilmente di toni caldi, a volte feriti, incisi, aperti ad uno spazio posteriore, si muovono figurine stilizzate sottili, fragili, prive di espressioni facciali. Esse tentano l’uscita al di là della superficie, nelle profondità dell’Io e rimangono parzialmente intrappolate dall’apparenza. Piccoli punti luce nello svolgersi dell’opera, divengono fonti luminose da cui si irradia una luminescenza che schiarisce l’opera e il contenuto, oltre che essere l’elemento di attrazione della vista e della riflessione.Così puntualizza Richard Gregor, curatore della mostra, nel suo testo in catalogo: “….Il centro dei dipinti è solitamente un sottile personaggio dei fumetti – opposto alla massiccia fisiognosi dell’autore – che è coinvolto in situazioni filosofiche e moralistiche. Si potrebbe dire che sia innovativo o borderline. Il più grande contributo del ritorno di Knut alla pittura sta nell’ethos umanistico. Se le scene originali dell’inizio del suo lavoro riguardavano più il linguaggio artistico, ad esempio nelle intenzioni con la Transavanguardia italiana, la struttura dei nuovi dipinti si basa sulla storia a cui è subordinata. Il linguaggio artistico vi si adatta pienamente. Lo utilizza padroneggiandolo con sicurezza, come se fosse un racconto classico e noto (simile a quelli della Bibbia). Queste sono le massime dell’autore e, nonostante il loro atteggiamento generale (e talvolta aforizzante), è chiaro che sono molto personali, persino intime, che si riferiscono alla vita dell’autore più che alle vicissitudini generali osservate dalla vita degli altri. …..”.
Il libro, in italiano e slovacco, a supporto della mostra, è edito da: Verso l’Arte Edizioni, LGPMB, Oesum Led Icima.

La mostra èpromossa e organizzata da Oesum Led Icima, in collaborazione con LGPMB e Verso l’Arte, con il patrocinio di Città di Acri, Regione Calabria, MIC,  I.N.A.C., Istituto Nazionale d’Arte Contemporanea ed è realizzata a cura di Richard Gregor, direttore Liptovskágaléria Petra MichalaBohúňa v LiptovskomMikuláši.

Museo Maca

Bata - Via Roma - Acri

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error: Contenuto protetto!