U muraturu

Bata - Via Roma - Acri
Il Vernacoliere di Angelo Canino
U muraturu
 
Mi chjèamu Duminicu e fazzu u muraturu,
fatiga tosta ppe nnu pìazzu e pèanu,
fatiga brutta, n’cumpagnìa allu suduru,
fatiga sporca mpurbarèatu cumi nu chèanu.
 
A matina m’abbìu nunn’appena fa jùarnu,
m’aspetta chilla cadìggina s’è dde astèati,
m’aspetta chillu friddu forti s’e dde vìarnu,
i calli e lli serchji alli mèani cunzumèati.
 
M’èaiu e stèari accorti ugne mumenti,
u diavudu è ammuccèatu a d’ugne rrèasa,
e na pinzellina a ccadiri un ci vo nnenti,
un ci vo nnenti a u mmi ricògliari alla chèasa.
 
Pisanti su lli mattuna e lli petri e fravichèari,
pòvara cudilla chi sempri càrrica camina,
pisanti è ppuru chillu ‘mpastu e priparèari,
pòvari vrazza chi mischcani cimentu e rrina.
 
Versi i novi nu stùazzu mi fazzu n’abbentèata,
apru u morsìallu e ppiju nu muzzicunu,
nu quartu e vinu e chill’ùrtima vinnimèata,
e nna mposta e cùastu arrustuta allu carbunu.
 
E ppu n’èatra vota chilla manìpuda chi canta,
chilli mura, ll’ìnchja ll’allivella e ll’allìscia,
u cimentu cunzumèatu alla fina è propiu tantu
e cchi cuntentizza quanni nu muru si finìscia.
 
Pu a sira quanni arriva ll’ura e da dassèata,
‘mpurru i fìarri e divìantu tuttu cuntìantu,
alla funtèana mi ve fazzu na sciacquèata,
e ppartu a via e da chèasa cumi u vìantu.
 
Lla m’aspèttani muglierma e ddua trisori,
chi ll’èaiu e vìdari e da sira ch’è ppassèata,
e cchi tuttu u jùarnu ll’è tenuti intra ssu cori,
e mmo è rranna a voglia e n’abbrazzèata.
 
 
Il muratore
 
Mi chiamo Domenico e faccio il muratore,
lavoro duro per un tozzo di pane,
lavoro brutto in compagnia del sudore,
lavoro sporco impolverato come un cane.
 
La mattina vado non appena è l’alba,
mi aspetta quella calura se è in estate,
mi aspetta quel freddo forte se è in inverno,
i calli e le screpolature alle mani consumate.
 
Mi devo stare attento in ogni momento,
l’insidia è nascosta ad ogni parte,
da una impalcatura è facile cadere,
è facile non far ritorno a casa.
 
Pesanti sono i mattoni e le pietre da murare,
povera schiena che sempre carica cammina,
pesante è anche l’impasto da preparare,
povere braccia che uniscono cemento e sabbia
 
Verso le nove un po’ faccio una pausa,
apro la tovaglia e faccio colazione,
un quarto di vino di quell’ultima vendemmia,
e un pezzo di costato arrostito al carbone.
 
E poi nuovamente la cazzuola che “canta”,
quei muri li riempie, li livella e li liscia,
il cemento consumato alla fine è tanto
e che allegria quando un muro è terminato.
 
Poi la sera quando arriva l’ora di smettere,
butto gli arnesi e divento tutto contento,
alla fontana vado a farmi una sciacquata,
e corro verso casa come il vento.
 
Li mi aspettano mia moglie e due tesori,
che devo vedere dalla sera prima,
e che tutto il giorno li ho tenuti dentro il cuore
e ora è grande la voglia di un abbraccio.

Bata - Via Roma - Acri

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Contenuto protetto!