I santi e llu trissetti

Bata - Via Roma - Acri
Il Vernacoliere di Angelo Canino

A nnu funnu e na pigneata,

c’è Sant’Umidu assetteatu;

assettèatu mpacciu a d’illu

u Biat’Angiudu viatillu;

alla banna, a mèana manca

arripèatu a cchilla panca,

u bastunu sutt’a tavuda

c’èra SamPranciscu e Pavuda.

Alla banna a mèana destra,

arripèatu alla finestra

ccu nna sarda mpinta all’èamu

San Giusepp’u fadignèamu.

Su rijunti mpretta mpretta,

ppe ssi fèari nu trissetti.

A Madonna addoderèata,

a d’ognunu i carti a ddèatu

e cumi ncignani a jochèari

ho ncignèati a ss’allighèari

“u Biat’Angiudu fa signi”!

ha ddittu all’èatri SamPranciscu;

“n unne vveru mo ti mignu,

n unne vveru, ti difriscu”!

U SamPiatru c’assistia,

e d’esciutu mmenz’a via

nna rijuntu cinc’o sia

e trasìanni cchi bidìa!

Si nno ddèati propiu tanti

cosi,cosi propiu e Santi.

A Madonna povarella,

ccu lli mèani intr’i capilli

Illa è mmorta e da pagura

“mo cchi ffeani, surdadura”!.

Alla fina llo stagliati,

e lli danni so ccuntèati;

SamPranciscu unchièat’u pìattu

e nnu vitrùagnu allu cozzìattu;

San giuseppu u vrazzu ruttu

nzìami all’uassu e du prisuttu;

u Sant’Umidu povarìallu

assimijèava nnu vitìallu,

tanti chi ll’avìani unchjeatu,

tanti chi nn’avìa ppijèatu;

u Biat’Angiudu schcaffi ncunu,

sera stèatu lu cordunu,

e tri pparti er’annudèatu

e d’a ttutti cci nna ddèatu,

mma siccomi illu ha nzineatu,

u Signuru lla cchiamèatu

e penitenza lla ddunèatu.

Nu sànnudu lla llevèatu

e scavuzu lla ddassèatu.

Tantu tìampu mo è ppassèatu,

e chillu sànnudu un se trovèatu.

I santi e il tressette

Su un fondo di una pignatta/ c’è Sant’Umile seduto/ seduto di fronte a Lui/ il Beato Angelo, proprio lui/ di fianco sulla sinistra/ poggiato a una panca/ col bastone sotto il tavolo/ c’èra San Francesco di Paola/ di fianco alla sua destra/ poggiato alla finestra/ con un pesce appeso all’amo/ San Giuseppe il falegname/ si sono uniti in tutta fretta/ per giocare a tressette/ la Madonna Addolorata/ ad ognuno le carte ha dato/ e appena iniziano a giocare/ cominciano a bisticciare/ il Beato Angelo fa segni/ ha detto agli altri San Francesco/ non è vero adesso ti picchio/ non è vero ti rinfresco/ il povero San Pietro che assisteva/ è uscito fuori/ne ha chiamato cinque o sei/ e entrando cosa vide! / se ne sono date proprio tante/ cose cose proprio da Santi/ la Madonna poverina/ con le mani fra i capelli/ Lei è morta dallo spavento/ adesso cosa fanno? Ho mio Dio!/ alla fine li hanno divisi/ e i danni si sono contati/ San Francesco, gonfio il petto/ e un bernoccolo alla nuca/ San Giuseppe il braccio rotto/ assieme all’osso del prosciutto/ Il Sant’Umile poverello/ somigliava un vitello/ tanto che l’avevano gonfiato/ tanto che ne aveva presi/ il Beato Angelo schiaffi qualcuno/ sarà stato il cordone/ da tre parti era annodato/ e a tutti gli e ne ha dato/ ma siccome lui ha iniziato/ Il Signore lo ha chiamato/ un sandalo gli ha levato/ e scalzo lo ha lasciato/ tanto tempo è passato/ ma quel sandalo non si è più trovato.

Bata - Via Roma - Acri

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Contenuto protetto!