È scrittu na poisia ‘ntantaviglia

Bata - Via Roma - Acri
Il Vernacoliere di Angelo Canino
È scrittu na poisia ‘ntantaviglia
 
Signu misu ‘ntantaviglia a nna rasella,
allu cantu e di cechèati intrh’u davuru
è lugliu, a stagioni cchju càvuda e bella
i jurnèati donghi, tardi arriva llu scuru.
 
Ccu ssu càvudu un ti dici dde fèari nenti,
e allura ti nni sta a nnu friscu a ppenzèari
piji carta e ppinna e sbadànchi a menti
pìanzi parodi e ‘ncigni alli ‘ncrucèari.
 
Ti passa dde vicinu na padummella russa,
tu a gùardi e lli dìadichi na bella quartina
vidi nu vecchjarìallu c’arranca, ccu lla tussa
e scrivi ca ppe dillu unn’è lluntèana a fina.
 
Nu cardilluzzu canta propiu ‘mpàcciu e tia,
e allura u rigu è scrittu e ffattu ccu lla rima
pu trhùavi nèatrhu vìarsu e lla menti si dicrìa
alla vista e na curnocchja spunuta a nna cima.
 
Pìanzu e scrivu, scrivu e ppìanzu ntantaviglia,
ìnchju nu rigu, dua, trhia, fìnisciu na quartina
ammiranni e da natura tutta chilla meraviglia
mo u ttrhica e dde ssa poisia arriva lla fina.
 
Pu viju na furmica ccu nna mullica e pèanu,
e appuzzu torna a pinna a cchillu rigu jancu
nu pàssaru chi pizzudìa a nnu cùacciu e rèanu
e scrivu e ttorna e scrivu, e nnu mmi stancu.
 
Alla finita ssu fògliu è cchjinu propiu tuttu,
cuntìantu sign’iu, cuntenta è lla menti mia
mo puru sudu n’èatrhu vìarsu cci sta ‘ncuttu,
ca puru ‘ntantaviglia è scrittu ssa poisia.
Ho scritto una poesia in dormiveglia
 
Sono messo in dormiveglia in un angolo,
al canto delle cicale nelle messi
è luglio, la stagione più calda e bella
le giornate lunghe, tardi arriva il buio.
 
Con questo caldo non ti va di far niente,
e allora te ne stai all’ombra a pensare
prendi carta e penna e apri la mente
pensi parole e inizi ad incrociarle.
 
Ti passa da vicino una coccinella,
tu la guardi e gli dedichi una bella quartina
vedi un vecchietto che arranca, con la tosse
e scrivi che per lui non è lontana la fine.
 
Un cardellino canta proprio difronte,
e allora il rigo è scritto e fatto con la rima
poi trovi un altro verso e la mente gioisce
alla vista di un corvo posato su un ramo.
 
Penso e scrivo, scrivo e penso in dormiveglia,
riempio un rigo, due, tre, finisco una quartina
ammirando della natura quella meraviglia
ora tra un po’ di questa poesia arriva la fine.
 
Poi vedo una formica con una briciola di pane
e punto di nuovo la penna su quel rigo bianco
un passero che becca un chicco di grano
e scrivo e di nuovo scrivo e non mi stanco.
 
Alla fine il foglio è riempito proprio tutto,
contento sono io, contenta è la mente mia
ora, anche solo un altro verso ci sta stretto,
 anche in dormiveglia ho scritto questa poesia.
 
Bata - Via Roma - Acri

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Contenuto protetto!