U vicinèatu

Bata - Via Roma - Acri
Il Vernacoliere di Angelo Canino
U vicinèatu
 
Cum’era bìallu na vota,
ìntrha chilli cavarelli, ricota
a genti chi lla era nnèata
e forti amicizia dighèata.
 
S’aiutàvani unu ccu ll’èatrhu,
si ‘mprestàvani d’ùagliu e llu quèatrhu
na cipulla e llu petrhusinu
a gagumilla, d’àccia e llu vinu.
 
A matina affaccèati e di barcuna,
u bongiorni ccu ttutti si duna
si spannìa lla vuchèata alli cordi
alla bona, paghèata dua sordi.
 
Alli ràdiji si sentìani canzuni,
chi rallegràvani chilli persuni
canzuni e amuru, canzuni belli
e Mina, Morandi, Caterina Caselli.
 
I porti e di chèasi sempri sbadanchèati,
e d’escìa ll’orduru e chilli cucinèati
chini passèava, era llu bùanu venutu
accùatu e nu pizzarrisa ccu nnu sadutu.
 
Doppi mangèatu s’ajjuncìani cuntenti,
vecchji e gguagliuni intrha nu nenti
fìarri e mmatassi, jiditèari e ‘ncinetti
chini facìa magli, chini cusìa merletti.
 
E ccuntàvani fatti chilli vecchiarelli,
rumanzi brutti e rrumanzi belli
e du diciotti e ddu meadicampèari
e lli giuvanelli tutti a ‘ntrhegudèari.
 
Alla punuta e du sudu chillu vicinèatu,
i focudèari tutti èani appiccèatu
patèati vulluti e ffrittèata e juri
ppe lla ricota e di zappaturi.
 
Chissa era lla vita e d’era vita bella,
era lla vita e da cavarella
mo ccu ssu munnu, chjèanu cangèatu
è ssudu ricùardu, chillu vicinèatu.
 
Il vicinato
 
Com’era bello un tempo,
in quei vicoli, riunita
la gente che li era nata
da forte amicizia legata.
 
Si aiutavano l’uno con l’altro,
si prestavano l’olio e lo spianatoio
una cipolla e il prezzemolo
la camomilla, il sedano e il vino.
 
Al mattino affacciate dal balcone,
il buongiorno con tutti si da
si stendeva il bucato alle corde
alla meno peggio, pagate due soldi.
 
Alle radio si udivano canzoni,
che rallegravano quelle persone
canzoni d’amore, canzoni belle
di Mina, Morandi, Caterina Caselli.
 
Le porte delle case sempre spalancate,
e usciva l’odore di quei cucinati
chi passava era il benvenuto
accolto da un sorriso e da un saluto.
 
Dopo pranzo si riunivano felici,
anziane e ragazze in poco tempo
ferri e matasse, ditali e uncinetti
chi faceva maglie, chi cuciva merletti.
 
E raccontavano fatti quelle vecchiette,
romanze brutte e romanze belle
del diciotto e del vivere di stenti
e le ragazze tutte a sentire.
 
Al tramonto del sole quel vicinato,
i caminetti tutti hanno acceso
patate bollite e frittata di fiori
per il ritorno degli zappatori.
 
Questa era la vita ed era vita bella,
era la vita del vicolo
adesso con il mondo piano cambiato
è solo ricordo quel vicinato.
Bata - Via Roma - Acri

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Contenuto protetto!