Assettèati avanti a porta

Bata - Via Roma - Acri
Il Vernacoliere di Angelo Canino

Assettèati avanti a porta

Assettèati avanti a porta a nn’aria fina

nannuzzu e nnannarella mia

tutt’i dua supa a novantina

allu duntèanu ammiravani Padìa

u nonnu inchjìa lla pippa e ppippijèava

ccu nnu penziari e quann’era risorbutu

a nonna na spica spoderèava

ccu nnu penziari allu figliu partutu

a nonna alli fìarri nu gliommaru ntrizzèava

e facìa nna maglia e dua quazìatti

ppe cchillu figliu ch’e duntèanu ritornèava

ci tenìa chi venìani e bell’aspìattu

ugne ttanti na guardèata, ùacchji e d’ùacchji

nu pizz’a rrisa, nu cìannu, na carizza

ca mo ssa carna ch’è ppropiu fatta vecchia

u nni vo cchiù, amenti c’a ll’attizza!

Ppe d’illi, cchiù ppàssani jùarni, cchiù ssu arrobbèati

ca nni tìagnini dodura sup’i cùasti

e d’aspèttani d’ura e da dassèata

sbullicanni ugne ttanti i patrinùasti.

Seduti davanti l’uscio

Seduti davanti l’uscio con un’aria fine/mio nonno e mia nonna tutt’e due sulla novantina/da lontano ammiravano Padìa.

Il nonno riempiva la pipa e fumava/ con un pensiero di quand’era giovanotto/ la nonna Sfoltiva una pannocchia / con un pensiero al figlio partito.

La nonna ai ferri un gomitolo intrecciava/ e faceva una maglia e due calzini/ per il figlio che da lontano ritornava/ ci teneva che venissero di bell’aspetto.

Ogni tanto si guardavano con gli occhi/ una risata, un cenno, una carezza/ adesso queste carni sono appassite/ non sente più piacere, inutile che la provochi

Per loro più i giorni passano, più sono giorni rubati/ ne hanno dolori sulla schiena/ e aspettano l’ora della dipartita/ sgranando ogni tanto il rosario.

Bata - Via Roma - Acri

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Contenuto protetto!