Pìanzu a ttanni

Bata - Via Roma - Acri
Il Vernacoliere di Angelo Canino
Pìanzu a ttanni
 
Ci su sudu ricùardi intra ssa chèasa,
ricùardi e quann’era nu guagliunu,
a mprùnta e di pedèati a ugne rrèasa,
a màcchia e du suduru e du zappunu.
 
Mi risbiglièava nu gallu ccu llu cantu,
pìanzu a ttanni e mmi vena llu chjantu.
 
Tutti i jùarni avìa dde jiri ccu nna mantrha,
a ppàsciari ppe cchilli terri e chjèanu,
u càvuzu arripezzèatu, a màglia chjin’e contri,
ccu nnu vettu, sempri sudu cumi nu chèanu.
 
Un sapìa ne ddèjari e nne scrìvari,
fatighèari e notti a nnotti era llu vìvari.
 
Pàsciari, zappèari, mètari e spoderèari,
sempri u stessu era llu giru e ssa rota,
na cipulla e ppèanu tùastu ppe mmangèari,
na minestra càvuda a sira alla ricota.
 
E mo chi viju ssa chèasa sudu vacanta,
pìanzu a cchilla vita tristi e affranta.
 
Pu pìanzu a quanni mi signu fattu zitu,
ccu Ntonettella a nna mmrunèata e sudu,
ll’è canusciùta allu canèadu e du “Cornitu”
jìa all’acqua ccu nna ciarriglia e nnu rizzudu.
 
Caminèava passu quattu e ùacchiu lìastu,
si spagnèava ppecchì u pèatru era furìastu.
 
Tanni i giuvanelli avìani e dèari cuntu,
allu pèatru e alla mamma e chillu chi facìani,
si sbagliàvani, un cinn’era scuntu,
i vitti a fàccia fàccia portàvani quann’èscìani.
 
Tanni era sèacru d’onuru e da famiglia,
era sèacra a verginità e na figlia.
 
Si rispettàvani i genti cchiù rranni,
ccu llu bongiorni, a bonasira, e llu vussurìa,
un si jia lli viji viji meadiparranni,
era chjina e docaziona chilla vija.
 
Pìanzu  ttanni, a cchilli tìampi forsi madèati,
ma ssi tìampi e mo allu pìajiu su ccangèati.

Penso a quei tempi
 
Ci sono solo ricordi in questa casa,
ricordi di quand’ero un ragazzo,
l’impronta dei passi a ogni posto,
l’alone del sudore, delle zappate.
 
Mi svegliava un gallo con il canto,
penso ad allora e mi viene da piangere.
 
Tutti i giorni dovevo andare con una mandria,
a pascolare lungo quei terreni,
il pantalone rattoppato, la maglia tutta sporca,
con un vetusto, sempre solo come un cane.
 
Non sapevo ne leggere ne scrivere,
lavorare da notte a notte era il vivere.
 
Pascolare, zappare, mietere e spannocchiare,
sempre uguali erano le giornate,
una cipolla e pane duro come pasto,
una minestra calda la sera al ritorno.
 
    E adesso che vedo questa casa sola e vuota,
penso a quella vita triste e affranta.
 
Poi penso a quando mi sono fidanzato,
con Antonietta, a un tramonto del sole,
l’ho conosciuta alla fontana del “Cornito”
andava all’acqua con una brocca e un orciuolo
 
Camminava passo svelto e occhio lesto,
aveva paura perché il padre era cattivo.
 
A quei tempi le ragazze dovevano dare conto,
al padre e alla madre di ciò che facevano,
se sbagliavano, non c’è n’era sconto,
i segni sul viso, portavano quando uscivano.
 
A quei tempi era sacro l’onore della famiglia,
era sacra l’illibatezza della figlia.
 
Si rispettava la gente più grande,
col buongiorno, la buonasera e il vossignoria,
non si andava per le vie a sparlare,
era piena di educazione quella via.
 
Penso ad allora, a quei tempi forse malati,
ma questi tempi, in peggio sono cambiati
 
 
Bata - Via Roma - Acri

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Contenuto protetto!