Ugne bota

Bata - Via Roma - Acri
Il Vernacoliere di Angelo Canino
Ugne bota
 
Mi càpita allu spissu,
ppe lli viji e du pajisu caminèari
e ppe mmia è nnu chiùavu fissu,
cumi c’era nna vota, ricordèari.
 
Ugne bota chi passu e du Marchèatu*
mi ricùardu a fera e d’animèadi
u nonnu tant’anni ci ha accattèatu
i pùarci, ppe cchilli friddi natèadi.
 
Ugne bota chi passu e di Cappuccini*
pìanzu l’altalena alla “sbarra” supa i scodi,
mi ricùardu a Gigi e Cozzudini*
intr’a putiga, ni schcangiàvamu dua parodi.
 
Ugne bota chi passu e da Jirivota*
ricùardu chilli vaschi cunzumèati,
a dèana ci davàvani na vota,
tant’anni e tanni su ppassèati.
 
Ugne bota chi passu e da Viaranna*
mi ricùardu u furnu e da Staziona*
avìa nna vucca ranna ranna
spurnèava pitti e ppèani a ttutta a zona.
 
Ugne bota chi passu e chillu Casadicchiu*
mi ricùardu a putiga e Jaconetti*
pittirillu pittirillu, n’ominìcchiu,
conzèava scarpi e da matina fina i setti.
 
Ugne bota chi passu de Pumpìa*
mi vena mmenti chillu fidarìallu e genti,
d’astèati, quanni e càvudu si vullìa,
chilla genti è ‘mprèssa intra ssa menti.
 
Ugne bota chi passu e da Nuzijèata*
mi vena mmenti u campu e du pallunu,
na villa ccu llu virdu mo c’è nnèata
pìanzu chill’anni e cchiàngiu allu mmicciunu.
 
Ugne bota chi passu e da Petrèara*
mi ricùardu a putiga e du stagninu,
ci portèavi na conchetta ppe stagnèari,
mastr’Angiudu e Occhiutu*, mastru finu.
 
Ugne bota chi passu e du Pizzillu*
chilla vasca mi fìarmu ad ammirèari,
ricùardu i mudi, quann’era ppittirillu
chi jìani sempri lla a ss’abbivarèari.

Ugne bota chi passu e chilla Colla*
mi ricùardu a cantina e Taresulla*
chjina e genti, e du Schchitu* a Pastamolla*
tutti i jùarni c’era ssempri chilla fulla.
 
Ugne bota chi passu e chilla Chiazza*
mi ricùardu jocarìalli e ccaggi ppe ll’acìalli,
a cchilla putighella ricota de Marbizzu*
na gioia ppe rranni e cquatrarìalli.
 
Ugne bota chi passu ppe ssu pajisi,
è ssempri nu vìvari e ricùardi,
è ccangèata a genti u chiantu e lli risi,
ma su rricùardi e allura nun ti scùardi.
 
 
 
*Mercato – Cappuccini – Jirivota – Viaranna – Casalicchio – Pompio – Annunziata – Petrara – Pizzillo – Colla – Piazza; sono rioni di Acri
 
*Gigi Cozzolino – Staziona – Jaconetti – Marbizzo– Taresulla – Angelo Occhiuto; sono nomi e soprannomi di abitanti di Acri
 
*Schito – Pastamolla; sono frazioni di Acri









Ogni volta
 
Mi capita spesso,
per le vie del paese camminare
e per me è un chiodo fisso,
come c’era tempo fa, ricordare.
 
Ogni volta che passo dal Mercato*
mi ricordo la fiera del bestiame
mio nonno tanti anni vi ha comprato
i maiali, per quei freddi natali.
 
Ogni volta che passo dai Cappuccini*
penso l’altalena poco sopra le scuole,
ricordo Gigi Cozzolino*
nel negozio, ci scambiavamo due parole.
 
Ogni volta che passo dalla Jirivota*
ricordo quelle vasche fatiscenti,
la lana vi lavavano allora,
tanti anni da allora sono passati.
 
Ogni volta che passo dalla Viaranna*
ricordo il forno di Staziona*
aveva una bocca grande grande
sfornava ciambelle e pani a per tutta la zona.
 
Ogni volta che passo dal Casalicchio*
ricordo la bottega di Jaconetti*
piccolo piccolo, un ometto,
aggiustava scarpe dal mattino fino alle sette.
 
Ogni volta che passo da Pompio*
mi viene in mente quel viavai di gente,
d’estate, quando dal caldo si scoppiava
quella gente è impressa in questa mente.
 
Ogni volta che passo dall’Annunziata*
mi viene in mente il campo da calcio,
una villa col verde ora c’è nata
penso quegli anni e piango di nascosto.
 
Ogni volta che passo dalla Petrara*
mi ricordo la bottega dello stagnino,
gli portavi un tegame da stagnare,
mastr’Angelo Occhiuto* maestro fine.
 
Ogni volta che passo dal Pizzillo*
quella vasca mi fermo ad ammirare,
ricordo i muli, quando ero piccolino,
che andavano sempre li ad abbeverarsi.

Ogni volta che passo dalla Colla*
ricordo la locanda di Taresulla*
piena di gente, dallo Schito* a Pastamolla*
tutti i giorni, c’era sempre quella folla.
 
Ogni volta che passo dalla Piazza*
mi ricordo giochi e gabbie per uccelli,
a quella piccola bottega di Marbizzo*
una gioia per grandi e piccoli.
 
Ogni volta che passo per questo paese,
è sempre un vivere di ricordi,
è cambiata la gente, il pianto e le risate,
ma sono ricordi e allora non li dimentichi.
 
Bata - Via Roma - Acri

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Contenuto protetto!