U Cummitu e llu vinu

Bata - Via Roma - Acri
Il Vernacoliere di Angelo Canino
U Cummitu e llu vinu


…Simu ajjunti cincu o sia
simu ajjunti duv’è mmia
e, acchiappèatu nu mpaglièatu
propiu appena travasèatu
bellu russu frizzantinu
nu sapuru e chillu finu
ma, si mo un ci spizzichèamu
ccu nna guccia ni mbriachèamu
e d’allura, apìartu u stipu
na patèata ccu nnu pipu
nu boccacciu e monachelli
e prisuttu quattru felli
na sazizza stozzijèata
na ciotuna e suppressèata
ìnchia u tua, ìnchia u mia
mèari mia cumi scurrìa
chillu russu frizzantinu
chillu travasèatu vinu
tri mpaglièati èamu finitu
alla fina e du cummitu.
Il convivio e il vino
 
Siamo riuniti in cinque o sei,
siamo riuniti da me
e, preso un fiasco
non appena travasato
bello rosso frizzantino,
un sapore di quello fine;
ma, se adesso non ci mangiamo
basta un goccio e ci ubriachiamo,
e allora aperta la credenza,
una patata e un peperone,
un vasetto di funghi,
di prosciutto quattro fette,
una salsiccia fatta a pezzi,
una grossa soppressata;
riempi il tuo, riempi il mio,
mamma mia! come scendeva!
Quel rosso frizzantino,
quel travasato vino;
tre fiaschi ne abbiamo bevuto,
alla fine del convivio.
Bata - Via Roma - Acri

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Contenuto protetto!